Il gondoliere 4 [415]

Voigtlander Vito Bl Ob.Color Scopar f/2.8 50mm
Venezia – Piazzetta San Marco – Bissona – Gondolone da cerimonia – 1961 – Ernesto Giorgi ©

Nella ultima settimana di novembre, gli anziani gondolieri filosofi sono più disposti del solito a fare quattro chiacchiere, perché in tale periodo gli alberghi sono chiusi per la manutenzione annuale e i turisti sono relativamente pochi, anche se comunque sempre abbondanti.     

E così conviene sfruttare il momento per imparare qualcosa. Riportiamo alcuni ragionamenti annotati al volo.

Ne ła vìta, se ti te spósi, ti pól vèr ła fełicità come ànca no. Par éssar conténti, fełìci, bisognarìa stàr a bachetìna ma te tocarìa fàr màssa fadìga: se pól vèr el cólpo de fortuna ma tante vòlte se fa màssa fadìga in stésso. Bisognarìa ‘lóra  ‘vér el coràgio de provàr ma no so se el zógo vàl ła candéła… e ‘łóra tànti rèsta da sposàr e a l’ùltimo moménto i tróva na scùsa quałùnque… po’ ghe vól costànsa, guài a sgaràr ‘ncà ‘na vòlta sóła, ti podaréssi rovinàr fóra tùto.” [Nella vita, se ti sposi, puoi avere la felicità come anche no. Per essere contenti, felici, dovresi essere ubbidiente (sotto la minaccia di una bacchetta) ma ti toccherebbe fare troppa fatica: si può avere il colpo di fortuna ma tante volte si fa troppa fatica lo stesso. Bisognerebbe allora avere il coraggio di provare ma non so se il gioco valga la candela… e allora tanti restano da sposare e all’ultimo momento trovano una scusa qualsiasi… poi, ci vuole costanza, guai a sgarrare anche una volta sola, potresti rovinare tutto.]

“El matrimònio el xe còme ‘na góndola: no ti pól mai mołàrghe un pónto perché ti pól trovàrte dal tràsto in sentìna.” [Il matrimonio è come una gondola: non puoi mai abbandonare la manutenzione per un momento perché potresti trovarti seduto dal sedile della gondola sulle tavole che ne ricoprono il fondo (la gondola si sfascia)].

“Gò conossùo ùno del Gìlio che no’l podèva ‘vèr ła vita parché el gavéva sposà ‘na forèsta e no i se capìva… e i se ga separà…. ma el ghe vołéva ‘ncóra bén e sul comò el se gavéva fàto cóme un altarìn co łe fotografìe de ła forèsta… ma el stàva màl più de prìma… e no’l vołéva butàr vìa łe fotografìe parché ghe paréva che ła forèsta, se ła fùsse tornàda, ła gavarìa podùo bravàrghe… e ‘łóra el gà fàto còme se fùsse stà ‘nà disgràssia e par bruxàr łe fotografìe el ga bruxà tùta ła càsa… no se ga mài savùo se in sbàlio o da séno… e te pàr che mi me spósa par córar de ‘sti perìcołi…” [Ho conosciuto un gondoliere dello stazio di Santa Maria del Giglio che non poteva avere la vita perché aveva sposato una straniera e non si capivano… e si sono separati… ma le voleva ancora bene e sul comò si era fatto una specie di altarino con le foto della straniera… ma stava male più di prima… e non voleva buttar via le foto perché gli sembrava che la straniera, se fosse tornata, lo avrebbe potuto sgridare… e allora ha fatto come se fosse successa una disgrazia e per bruciare le foto ha bruciato tutta la casa… non si è mai saputo se lo abbia fatto per errore o appositamente… e ti sembra che io mi sposi per correre simili pericoli…]

Annunci

Un pensiero su “Il gondoliere 4 [415]”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...