Marco e Todaro 15 [473]

 marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 14). Todaro: “Màrco, ła génte pàrla sémpre de połìtica, da dusénto àni i se impenìsse ła bóca co ‘sta democrassìa, ma mi me pàr che ‘sti congrèssi i sìa inùtiłi… còssa te pàr…”   

[Marco, la gente parla sempre di politica, da duecento anni si riempiono la bocca con questa democrazìa, ma a me sembra che questi congressi siano inutili… cosa ti sembra…]

Marco: “Càro mìo, ła democrassìa xe stàda ‘na bóna idéa e par quàlche sècolo, prima del 1297, a Venéssia ła gà ànca funsionà; ła se ciamàva ‘Cóncio’… dòpo, i signóri i se gà incòrto che gèra mègio se i comandàva łóri e ła democrassìa ła xe restàda nòme àltro che cóme aparénsa… insóma, par dàrghe el contentìn a quéi che se incontentàva… e i gèra quàsi tùti… da séno, ła zénte ga da lavoràr e par mandàr ‘vanti ła Serenìssima bisognàva éssar espèrti o al mànco far fìnta de éssar espèrti, infàti bisognàva (e bisògna) far finta de savér quéło che sucedarà e fàrghe crédar a ła zénte che, se łe ròbe va bén, xé mèrito del Consìlio dei Diése e se łe ròbe va màl, nissùni àltri gavarìa possùo intivàrla. Insóma, el càpo no el ga mai da dìr che el gà sbalià… sinò el xe mòrto o destituìo… ła zénte xe convìnta che el capo no pól sbaliàr e, se’l sbàlia, el sbàlia ‘pósta parché el xe ‘na carògna… ti dixévi che dèsso se fa partecipàr ła zénte ai congrèssi… e se capìsse bén cóme che ‘stà łe ròbe… quéi che i xé ciamài ai congrèssi a ‘scoltàr, i xe importànti parché i ga da bàtarghe łe màn a quéi che pàrla, ai gràndi oratóri… e no i fa àltro che bàtar łe màn… e no ghe xe parmésso de fàr calcòssa àltro… dòpo, sui giornài, se podarà dir che el xe stà un sucèsso gràndo… e che tùti batéva łe màn parché tùti i gèra d’acòrdo… l’importànte, al dì de incùo, xè far finta che ghe sia tànta democrassìa, far finta che sìa ła zénte a comandàr… al mànco, ‘na vòlta, el Consìlio dei Diése i te dixéva fóra dei dénti che i comandàva łóri.”

[Caro mio, la democrazia è stata una buona idea e per qualche secolo, prima del 1297, a Venezia ha anche funzionato; si chiamava ‘Concio’… dopo, i signori si sono accorti che era meglio se comandavano loro e la democrazia è rimasa solo come apparenza… insomma, per dare il contentino a quelli che si accontentavano… ed erano quasi tutti… in verità, la gente deve lavorare e per mandare avanti la Serenissima bisognava essere esperti o almeno far finta di essere esperti, infatti si doveva (e si deve) far finta di sapere quello che succederà e far credere alla gente che, se le cose vanno bene, è merito del Consiglio dei Dieci e se le cose vanno male, nessun altro avrebbe potuto fare la previsione. Insomma, il capo non deve mai dire che ha sbagliato… altrimenti è morto o destituito… la gente è convinta che il capo non possa sbagliare e, se sbaglia, sbaglia di proposito perché è una carogna… dicevi che adesso si fa partecipare la gente ai congressi… e si capisce bene come stiano le cose… quelli che son chiamati ai congressi ad ascoltare, sono importanti perché devono applaudire quelli che parlano, applaudire i grandi oratori… e non fanno altro che battere le mani… e non è loro permesso di fare qualcos’altro… dopo, sui giornali, si potrà dire che è stato un successo grande… e che tutti battevano le mani perché tutti erano d’accordo… l’importante, al giorno d’oggi, è far finta che ci sia tanta democrazia, far finta che sia la gente a comandare… almeno, una volta, il Consiglio dei Dieci ti diceva fuori dai denti (senza preamboli) che comandavano loro].

Todaro: “Ma ‘desso i fa ànca ‘ste primàrie… me piaxarìa capìr ben…” [Ma adesso fanno anche le primarie… mi piacerebbe capire bene…]

Marco: “Par la połitica, łassémoghe da nóvo ła paróła al fantàsma de un połitico venessiàn, gràndo grando… Daniele Manìn…e domandémoghe còssa che sarà mài ‘ste primarie.” [Per la politica, lasciamo di nuovo la parola al fantasma di un politico veneziano, famosissimo… Daniele Manin… e chiediamogli cosa siano mai queste primarie.]

Daniele Manin: “Cari amici, le primarie sono una grandissima furbata che sfrutta l’ignoranza della gente inesperta, cioè quasi tutti. Qualcuno, forse parecchi, tra tutti quelli che non capiscono bene, non pensano che sia una cosa all’interno di un partito ma si convincono indirettamente, inconsciamente, che tutto sommato si tratti di elezioni e che quindi si tratti di un successo enorme del partito. Un 60 per cento di voti favorevoli alle primarie può essere (ed è, dagli sprovveduti superficiali) interpretato come un successo assoluto e non limitato al partito. E quelli che non capiscono sono tanti. Inoltre, i capi assecondano l’errore e inneggiano parimenti al successo nelle primarie, come se fosse non una competizione all’interno del partito, bensì una competizione tra varî partiti. Naturalmente, nessuno dei capi affermerà mai che si tratti di un successo interpartitico ma si lascerà capire tra le righe che… potrebbe essere… insomma un’astuzia eccezionale per abbindolare gli sprovveduti. Tutto sommato, un sessanta per cento è sempre un sessanta per cento e riempie la bocca…”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...