Il carovita [522]

barbone
Venezia, 1970 – Il barbone della storia seduto sulla panchina della Loggetta del Sansovino, in Piazza San Marco – Ernesto Giorgi ©

Venèssia: ghe xe un barbón de novànta e pàssa àni sentà su ła banchéta de màrmo de ła Logéta Sansovìn, in Piàssa Sà’ Màrco.

Xe febràio e xe tànto frédo e mi ghe vàdo rénte, ghe dàgo ‘na pałànca e me férmo un momentìn, par domandàrghe cóme che ła và.

El me rispónde: “Cóme vùsto che ła vàda… fa un frédo bòja e ła me scòrsa no ła se decìde mài de tiràr i spàghi…

Co sénto, ghe dìgo: “Maèstro, ma no ghè fa spécie de morìr…” [Maestro: titolo di rispetto verso un anziano]

“Ghe mancarìa ànca quéa… no, no me fa gnénte paùra. No vògio più gnénte, no m’intarèssa più gnénte.”

“In fàti, go capìo che no gavémo più vòge…” [Nos majestatis]

No… e invésse, da séno, si! prima dei spàghi, vorìa pròpio dàrghe na béa corteàda al prìmo che pàssa…”

“E parcòssa!?”

“Parché vògio éssar sicùro de ‘ndàr a l’infèrno: co’ sto frédo… e co quéło che cósta el gasòlio… parché ànca qua, su sto móndo, so’ finìo a l’infèrno e par zónta frédo.”

No savévo còssa dìr e parlàndo più co mi che co łù, me xe sbrissà a mèza vóxe: “Infèrno e ànca frédo…”

“Pròpio…  e no sarìa gnànca so’ màre…”

Venezia: un barbone di 90 e più anni sta seduto sulla panchina di marmo della Loggetta del Sansovino in Piazza San Marco.

Siamo nel mese febbraio e fa molto freddo ed io mi avvicino, gli allungo una moneta e mi fermo un momento per chiedergli come va.

Mi risponde: “Come vuoi che vada…. fa molto freddo e il mio corpo non si decide mai a morire.”

Al che, io dico: “Ma non le fa paura la morte?”

“Ci mancherebbe altro… no, non mi fa paura. Non voglio più niente, non mi interessa più niente.”

“Quindi, mi sembra di capire che lei non ha più nessun altro desiderio…”

“No… anzi, sì!  prima di morire, vorrei dare una bella coltellata al primo che passa.”

“Per quale motivo!?”

“Per essere sicuro di andare all’inferno: con questo freddo… e con quello che costa il gasolio… perché anche qui, in questo mondo, sono finito all’inferno e per di più freddo.”

Non sapevo più cosa dire e parlando più a me stesso che a lui, m’è uscito a mezza voce: “Inferno… ed anche freddo…”

“Esattamente e questo non sarebbe nemmeno secondo le usanze.” [ovvero secondo la tradizione, secondo ciò che uno potrebbe legittimamente aspettarsi: ci si aspetta cioè che l’inferno sia caldo.]

L’espressione ‘no xe gnànca so màre’ è usatissima e si può pronunciare quando qualcuno non rispetti una tradizione. Ad esempio, se uno invece di passare il Natale coi suoi lo passa altrove, si potrà ben dire: “No’l gà fàto gnànca el Nadàl in famégia: che’l fàssa quéło che’l vól, sa… ma no sarìa gnànca so màre…”

[Non ha fatto nemmeno il Natale con la famiglia: che faccia pure come vuole, che si sappia… ma questo non sarebbe nemmeno nella tradizione…].

Il ‘sa…’, sta per ‘sappiate’ ed è una declaratoria pleonastica: che tutti sappiano, che si sappia, che sia noto a tutti, che non sia un segreto.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...