Divertimento 3 [537]

scimpanze
Almeno ogni tanto, ridere può migliorare la salute…

Le cose pubblicate in questo articolo sono in parte dell’autore e in parte trovate in giro. Se sapete già quelle che sono trovate in giro, fate finta di non saperle così potrete sorridere di nuovo: un bel ridere non fu mai scritto.

Due amici, all’osteria (cancellata perché non è politically correct) al bar, parlano del meno (del più non parlano, data la crisi).

Ti sa, so ‘ndà dal dotór dei màti e ghe gò contà del me problèma e ghe go dìto: ‘dotór, so vignùo da lu parché pénso de éssar ‘na brùta persóna. Da séno, no so se preferìsso łe biónde, łe rósse o łe mòre… go sémpre pensièri…’, ghe go dìto nóme àltro che cussì…” [Sai, sono andato dallo psichiatra e gli ho raccontato del mio problema dicendogli: dottore, sono venuto da lei perché penso di essere una brutta persona. In verità, non so se preferisco le bionde, le rosse o le more… ho sempre pensieri… gli ho detto solamente così]

“No savéva che ti gavéssi ‘sto probléma… e łu, cóssa te gàło dìto…” [Non sapevo che tu avessi questo problema: e lui cosa ti ha detto?]

“El me gà dìto… ‘na bràva persóna sa, uno che se ciàpa a cuòr i so małài… in strùco, el me gà dìto: no ła xe ‘na quistión da póco… bisògna che ti vàdi a fóndo, che ti te dàghi da fàr par capìr bèn, che déłe vòlte magàri ti crèdi una ròba e invésse dòpo la xe n’àltra, bisognaràve che ti aprofondìssi el discórso, ‘ndàr par tentatìvi… ghe vorrà tànta passiénsa… ànca l’Académia de ła Crùsca gavéva problèmi e i se gà inventà ‘na màssima: Provàndo e Riprovàndo.” [Mi ha detto… premetto che è una brava persona, uno che si prende a cuore i sui pazienti… in buona sostanza, mi ha detto: non è una questione da poco… devi andare fino in fondo, devi darti da fare per capire bene, che a volte tu non propenda per una soluzione e invece dopo era da propendere per un’altra, bisognerebbe che tu approfondissi il discorso, andare per tentativi… ci vorrà tanta pazienza… anche l’Accademia della Crusca aveva problemi e si sono inventati una massima: Provando e Riprovando.]

 “Me pàr ‘na bóna idèa: e cóme se ciàmeo sto dotòr… magàri podarìa ‘ndàrghe ‘ànca mi…” [Mi sembra una buona idea… e come si chiama questo dottore, pagari ci potrei andare anch’io…]

 “El se ciàma Giàcomo Casanóva…” [Si chiama Giacomo Casanova]

“Cóme Casanóva…” [Come Casanova…]

“Sì ma ła se tràta de ‘na fatałità, no ghe éntra gnénte…” [Sì ma si tratta di ua fatalità, non c’entra niente…]

“Gò pensà che magàri quéła vòlta Casanóva, quéło véro, el podarìa ‘vér vùo el to stésso problèma… el xe sta’ bràvo: el se ło gà risòlto da soło, sénsa el dotór déi màti…” [Ho pensato che magari quella volta Casanova, quello vero, potrebbe aver avuto il tuo stesso problema… è stato bravo: se lo ha risolto da solo, senza l’aiuto dello psichiatra…]

              Θ

Perché una bella donna deve essere sempre abbronzata?

Perché la belladonna è una solanacea…

              Θ

Il cuoco, che improvvisamente trovi una fidanzata, deve fare attenzione perché può cadere dalla padella negli abbracci.

              Θ

Questa non fa tanto ridere fa ma riflettere.

Due persone, un ottimista e un pessimista, avevano lo stesso, identico giardino.

Il giardino era spoglio, senza alberi, senza traccia di fiori, di erba,  in pratica era una desolazione: sembrava che il verde fosse scappato lontano…

Il pessimista diceva: “Che giardino orribile. Una vera e propria desolazione. Quando viene qualcuno a trovarmi, poi, muoio dalla vergogna…”

L’ottimista sosteneva: “ Ho un giardino bellissimo: la quintessenza delle meraviglie. Ho il giardino più assolato che ci sia… ti fa venir voglia di prendere il sole… ti invita a rilassarti… e a me piace prender il sole.”

Sta ad ognuno di noi propendere per l’una oppure per l’altra opinione: quale preferite?

              Θ

Nessuno accetta consigli ma tutti accettano denaro e quindi il denaro è considerato migliore dei consigli. (Jonathan Swift)

              Θ

Al mondo ci sono persone talmente povere da non possedere nulla, oltre il denaro… (Anonimo)

              Θ

Mi sono accorto che la mia vita è un’impresa più difficile di quanto pensassi. Temo che non ne uscirò vivo.

              Θ

Non chiedete mai a una donna che abbia una certa classe di dire la sua età, soprattutto se la sua classe è precedente al 1975.

              Θ

Ciò che il bruco chiama ‘la fine del mondo’, il resto del mondo lo chiama ‘farfalla’. (Proverbio Cinese)

              Θ

Tutti sognano di non fare mai delle brutte figure. Vi vogliamo rivelare il grandissimo segreto che ci è stato insegnato: per evitare brutte figure, non dite mai bugie. Talvolta, tuttavia, ci sono delle situazioni in cui forse bisogna anche rischiarla, la brutta figura…

              Θ

La vita è come un’eco: se non ti piace quello che ti rimanda, devi cambiare il messaggio che invii. (James Joyce)

              Θ

Se c’è soluzione perché ti preoccupi? Se non c’è soluzione perché ti preoccupi? (Aristotele)

              Θ

La buona educazione non sta solo nel non versare la salsa sulla tovaglia ma soprattutto nel non mostrare di accorgersi se un altro commensale lo fa. (Anton Cechov)

              Θ

Letta in una profumeria della città di XYZ: “In questo negozio vendiamo luci da labbra”

              Θ

L’uomo che cammina sulle orme degli altri non lascia impronta. (Proverbio dei nativi nordamericani)

              Θ

Un giorno, la paura bussò alla porta; il coraggio si alzò ed andò ad aprire: vide che non c’era nessuno. (Anonimo)

              Θ

Per finire, un’altra storiella.

Dotór, són in pansièri par la tèsta de me mugèr: ła pàrla co ła pignàta e dòpo…” [Dottore, sono preoccupato per lo stato psichico di mia moglie: parla con la pentola e inoltre…]

Il dottore lo interrompe: Ma el vàrda che łe xe miłèri, par no dir milióni, łè massère che pàrla co łe ròbe de càsa: xe normàl, ła xe ‘na manièra par superàr ła solitùdine, no’l stàga preocupàrse. El stàga tranquìło…”[Ma scherza? sono migliaia, per non dire milioni, le massaie che parlano con gli oggetti di casa: è normale, è un modo per superare la solitudine, non si preoccupi. Stia tranquillo.]

Sì, dotòr, se’l me łassàva finìr… vołévo dir che me mugèr, da un fià a ‘sta pàrte, ła devénta nervósa parché ła pignàta no ghe rispónde…” [Sì, dottore, se mi lasciava finire… volevo dire che mia moglie, ultimamente, si innervosisce perché la pentola non le risponde…]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...