Domenica Festa 3 [589]

1959_QuattroFontane
luglio 1959 – Lido di Venezia – La spiaggia delle Quattro Fontane – Ernesto Giorgi©

Toni racconta ad un amico: Incuò go vùo ‘na sodisfassión granda: stamatìna, dato che xe doménega, in dèroga a łe vècie abitùdini, che gavémo sémpre de sòłito, me mugèr me ga dìto: <Vestìssite pùra cóme che ti crédi mègio.>

E ‘lóra, dòpo che me so’ vestìo, so’ ‘ndà in sogiórno, speràndo bén. Cóme che ła me ga vìsto, ła xe saltàda su in piè cóme ‘na tìgre e ła me ga disésto: <Ma cóme te gàstu vestìo?> e mi go rispondésto: <Tesòro, da séno, ti me ga dìto ti, de vestìrme cóme che vołéva…>

E ‘lóra ła me gà dìto: <Sì, xe véro ma no cussì! cussì pròpio no!>”

Amico: “Càro el me Tòni, coràgio…”

[Oggi ho avuto una grande soddisfazione. Stamattina, essendo domenica, in deroga alle invalse abitudini consuetudinarie ed usuali, mia moglie ha detto: <Vestiti pure come ti pare meglio>. Allora, dopo essermi vestito, sono andato in soggiorno, sperando bene. Come mi ha visto, è balzata in piedi come una tigre ed ha detto: <Ma come ti sei vestito?> e io ho risposto: <Tesoro, in verità, mi hai detto di vestirmi come mi pareva…>

Allora lei ha detto: “Sì, è vero! ma non così! così proprio no!>”

Amico: “Caro Toni, coraggio…”]

Letterale: da séno – parlando assennatamente.

@@@

Quattro amici sono impegnati in una partita a carte ai 21 punti. Siamo ormai a metà partita e la coppia Aldo-Bruno ha 16 punti, mentre la coppia Claudio-Dario ne ha solo 5. Improvvisamente Aldo si accorge di avere carte orribili, con tutti i fanti.

Allora Aldo dice:Mi e’l me compàgno Bruno, gavémo più pùnti e ‘lóra decidémo nuàntri: da ‘dèsso, ła càrta che vìnse ła xe ła fànta.>” [Io, col mio compagno Bruno, abbiamo più punti e quindi, sulla base di questo fatto, decidiamo che d’ora in poi la carta vincente è il fante.>]

Claudio:Ma al móndo no se gà gnànca mài sentìo de un móna che vól cambiàr łe règołe a mèxa partìa!” [Ma non si è nemmeno mai sentito al mondo un deficiente che vuole cambiare le regole a metà partita!]

Aldo e Bruno, in coro: “Ma cóme no! xe drìo fàrlo ‘nca i połiticànti de Roma. quéi che gà ła magiorànsa, co la lège eletoràl… e ‘lóra podémo fàrlo ‘nca nuàntri.” [Come no? lo stanno facendo anche i politicanti di Roma, quelli che hanno la maggioranza, con la legge elettorale… e quindi lo possiamo fare anche noi.]

@@@

Piero era un istintivo e non sapeva bene nemmeno lui quello che diceva. Come tantissime persone, aveva un piccolo difetto: quando aveva una frase da dire, la stessa passava dallazona creazione frase alla zonalingua parlante senza passare per la zona controllo di quel che si dice.

E così, diceva quello che gli suggeriva la sua mente grezza.

@@@

Dialogo tra un letterato veneziano e uno che non legge.

Veneziano:Da ’l to discórso, me par de capir che no ti xe mèstego cói lìbri… [Da tutto ciò che dici, mi sembra di capire che hai poca dimestichezza con i libri…]

Illetterato:Ghe xe tànte bóne raxón. Intànto, dàrghe vòlta a łe pàgine no xe cóme bévar un gòto de àqua parché cói déi fàsso fadìga a voltàrghene una e me ocoraràve sémpro ‘na spugnéta bagnàda parchè bagnàrse i déi col spuàcio no xe salùte. Po’,  i lìbri cósta un sàco de schèi e dòpo un fià che łèxo i òci me se stràca de càl póco. No so se ti ga fàto càxo, i lìbri i pésa un dexìo e i ciàpa pósto, gran fàto che i ripiàni de càsa no bastarìa gnànca mài. Po’, par soraprèsso, se no i xe de càrta bóna i spùssa ‘na quàrta e se i xe de càrta bóna i fa ła mùfa e i se impenìsse de pìsme, de vóvi de bisséti e vìa discoréndo. Po’, gò łe me idèe połìtiche ma so’ curióxo de savér ànca còssa che pénsa que’àltre tèste: no pól fàr, tànto par stàr informà, che mi me cómpra quàlche łibro che pàrla de discórsi połìtici che mi no me intarèssa: se vignìsse qualchidùn e méti che’l vedésse ‘sti łibri in scafàl, còssa xe che’l podarìa pensàr? che ghe fàsso ónge a quésto, a quéło? de mi, el podarià pensàr stràge. [I motivi sono parecchi. Intanto, girare le pagine non è facile perché con le dita faccio fatica a girarne una e avrei bisogno sempre di una spugnetta umida perché bagnarsi le dita con la saliva non è igienico. Poi, i libri costano un sacco di soldi e dopo un poco che leggo mi stanco molto gli occhi. Non so se hai osservato, i libri sono pesantissimi e occupano un sacco di spazio, per cui gli scaffali di casa non sarebbero mai sufficienti. Poi, come se non bastasse, se non sono di carta buona, puzzano terribilmente e se sono di carta buona ammuffiscono e si riempiono di lepisme, di uova di insetti e così via. Poi, io ho certe idee politiche ma amo sapere anche come la pensano gli altri: supponi che, a puro titolo di documentazione, io mi compri qualche libro che si diffonda su opinioni politiche che non sono le mie. Se venisse qualcuno e vedesse questi libri in biblioteca, cosa potrebbe pensare? che io sono simpatizzante di questo o di quello? potrebbe farsi delle cattive idee sul mio conto.]

Letterali: gran fàto: un fatto poco probabile ma che potrebbe succedere.

no pol far: come sopra, puta l’infamantissimo caso.

Pensàr strage: pensare cose che potrebbero fare strage della mia reputazione: distruggerla.

Far ónge: Fare unghie –  dicesi di un fidanzato che solletica la fidanzata sotto le unghie delle mani, a mo’ di carezza. Traslato:  essere un intimo simpatizzante di questo o di quello.

Veneziano:Sicùro che ànca ti, cóme tùti, ti védi el móndo co i to ociài. Mi, invésse, sui lìbri, vedaràve vantàgi… [Certo che anche tu, come tutti, vedi le cose a modo tuo. Io invece, nei libri, vedrei dei vantaggi…]

L’illetterato interrompe il Veneziano:Ma quàło! Ghe xe ànca ła tiłivisión: ma no te pàr che da ła tiłivisión se impàra ‘bastànte…co tùte łe bèłe ròbe che ghe xe da far, vùsto che me méta a łéxar un lìbro… e no te pàr che a scuòła gavémo imparà ‘bastànte… se ti tróvi ‘na bèła tóxa, ti ga da éssar parecià, bén vestìo, nèto, aténto, gran fàto che ghe dixésse: <Scùxa sa, me dispiàxe, ma vàdo càxa a łéxarme un lìbro…> un fià de quéło che se ghe dixe! e no xe gnànca più de mòda. E po’, bixògna pensàr ai schèi, altro che ai lìbri. Restarìa se no ti gavèssi mài sentìo ła cansonéta che dìxe: < I òmini sénsa bèssi… no pàra gnànca bón…” [Ma quali vantaggi! C’è anche la televisione: non ti pare che dalla televisione si impari abbastanza? Con tutte le cose belle da fare, vuoi che mi metta lì a leggere un libro? non ti pare che a scuola si sia imparato abbastanza? se trovi una bella ragazza, devi esser preparato, vestito bene, pulito, concentrato, vorresti che le dicessi: <Mi dispiace ma devo andar a casa a leggere un libro…> ? siamo seri! e non è nemmeno più alla moda! E poi, bisogna pensare ai soldi, altro che ai libri. Ma tu forse non hai sentito la canzoncina che recita: <Gli uomini senza soldi… non fanno nemmeno bella figura…>]

Letterale: un fià de quéło che se ghe dixe! Avere un comportamento normolineo, accettabile in società.

Restarìa: rimarrei esterrefatto dalla meraviglia.

Veneziano:Ti ga raxón. ‘Dèsso vàdo càsa e brùxo quéi pòchi de mièri de lìbri che go…” [Hai ragione. Adesso vado a casa e brucio quelle poche migliaia di libri che possiedo…]

Il giorno dopo, sul Gazzettino, compare il titolo a nove colonne: “Autodafé: un notissimo letterato veneziano, probabilmente impazzito e forse dopo aver letto l’unico romanzo di Elias Canetti, brucia tre mila libri in un raptus improvviso. I pompieri, intervenuti, mentre il letterato alimentava il rogo con i libri, lo sentivano gridare frasi sconnesse, tra le quali:

”Małedèto ti e quéi che te vól più ben de mi! e ti vóti! e i te łàssa votàr, mi mòrti! e nissùni te stròpa ła bóca! i xe tùti cóme ti! i dìxe che ła democrassìa ła nàssa da l’istrussión! ma quàło! sémo tùti difarénti, àltro che tùti compàgni!” [Maledetto te e quelli che ti vogliono più bene di me! e ti voti! e ti lasciano votare, anime di tutti i miei morti! e nessuno ti chiude la bocca! sono tutti come te! dicono che  la democrazia nasca dall’ istruzione! ma dove… ma quando! siamo tutti differenti, altro che tutti uguali!]

Letterale:  ma quàło! : Semplicemente, ciò è inaudito.

@@@

L’amministrazione de Il Piave, per dare delle informazioni recondite, originali, misteriose, di là da essere conosciute, avvincenti e stupefacenti ai suoi ìncliti lettori, ha preso accordi col miglior agente dei servizi segreti israeliani, il famoso Mossad. Da tale fonte abbiamo saputo che esiste un nuovo problema a livello internazionale e che presto la stampa ne parlerà: aumento notevole della probabilità di morire dopo aver ricevuto, durante una trasfusione, sangue da un donatore dell’altro sesso. In particolare, sembra che ci sia un aumento della mortalità di alcuni punti percentuali, nei tre anni successivi alla trasfusione, soprattutto se il trasfuso è un uomo e la donatrice è una donna.

@@@

Edoardo sta parlando con un suo amico e l’argomento della conversazione sono le mogli.

Edoardo:

Ti ga da savér che go’l terór de ‘ndar in gìro in màchina co me mugèr. Ti ga da savér ànca che, fin che guìdo, ła me dìxe drìo se màn: <più a dèstra! stà più a dèstra, ‘ténto al ciclìsta! dobòto ti ło impitùri! sta più a sinìstra! che tràfico, no se pól córar! sémo in ritàrdo ma va più piàn! vùsto copàrne tùti do! òcio al semàforo rósso! ma ti xe òrbo, fórse… vùsto ‘ndàrghe dòsso a quéło là davànti… bisògna dar ła precedénsa! vàra che ghe xe un cartèło! sinquànta a l’óra! ma no ti védi che ti va màssa fòrte… tién ła distànsa de sicuréssa! piàn! piàn!> Dòpo un póco, ghe dìgo: <Ghe vorìa che łe màchine, cóme i aérii de servìssio, i gavésse i dópi comàndi: se no te va bén cóme che guìdo, se strùca un botón  cussì ti guìdi ti…>” [Sono terrorizzato all’idea di andare in giro in automobile con mia moglie. Devi sapere che, mentre guido, mi dice in continuazione: < più a destra! stai più a destra! attento al ciclista! lo hai sfiorato! stai più a sinistra! che traffico, non si può correre! siamo in ritardo ma vai più piano! vuoi ammazzarci tutti e due? attento al semaforo rosso! sei orbo? vuoi investire quello là che ci precede? dare la precedenza! c’è il cartello! cinquanta all’ora! non vedi che vai troppo forte? mantieni la distanza di sicurezza! rallenta! rallenta!> Dopo un poco, le dico:  <Ci vorrebbe che le automobili, come gli aeroplani di linea, avessero i doppi comandi: se a te non va bene come guido, si schiaccia un bottone e così guidi tu…>”

Letterale: drìo se màn: una mano dopo l’altra, cioè in continuazione, incessantemente.

dobòto ti ło impitùri! A momenti lo spiaccichi (lo pitturi) contro qualche cosa, come un affresco su di una parete.

Amico:Sgàgio, èa còssa gàła dìto… [Bella idea… e lei allora cos’ha risposto?]

Letterale: Sgàgio – Accorto, intelligente, notevole, che sa il fatto suo.

Edoardo:Bén, ła me dìxe: <Ti sa che no so guidàr bén, no guìdo mài! mègio se ti guìdi ti> mi ‘lóra me fàsso coràgio, ło lèxo cóme fidùcia, sóto ‘l pónte l’àqua xe ‘ndàda ‘vànti e me méto a guidàr da nóvo. Ma no ła vól savérghin de tàsar: <Stà più a destra! el càmio el gèra drìo végnarte ‘dòsso! ghe xe ‘na mòto! sta più a sinìstra!> E mi ghe dìgo: <Ma vàrda che ti me gavévi ‘péna dìto che ti vołevi che guidàsse mi!> Ti sa còssa che ła me ga dìto?” [Mi dice: <Sai che non so guidare bene, non guido mai! meglio se guidi tu!> Io mi faccio coraggio, lo interpreto come un atto di fede nei miei confronti, acqua passata non macina più e riprendo a guidare. Ma lei non la smette: “Stai più a destra! il camion ti stava venendo addosso! c’è una moto! stai più a sinistra!> Al che le dico: <Ma guarda che mi avevi appena detto che volevi far guidare me!>. Sai cosa ha detto allora?]

Letterale: sóto ‘l pónte l’àqua xe ‘ndàda ‘vànti – Sotto il ponte l’acqua è andata avanti, è passata, non conta più. Corrisponde ad acqua passata non macina più.

Amico: “Savérlo…” [Non saprei…]

Edoardo:Eh, ła me ga dìto: <Ma ti ga sémpre vògia de impiantàrla…>” [Eh, mi ha detto: <Ma hai sempre voglia di fare discussioni?>]

Letterale: impiantàrla – creare l’occasione per piantare una lite.

Amico:Figà, Edoardo, bisogna aver tànto figà…[Coraggio, Edoardo, coraggio…]

Letteralmente: ‘fegato, bisogna avere tanto fegato’

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...