Coriandoli 10 [590]

araldicaRiportiamo un articolo tratto da ‘L’eco silenziosa’, quotidiano di Treviso, solitamente molto ben informato.

FATTI DI POLITICA:

Il serio ed esilarante pensiero del politic-ante litteram.

“È con profonda e superficiale convinzione dubbiosa che tengo ad imprimere, oltre che ad esprimere, senza per questo o per altro lasciare il segno, una fulgida ed oscura mia personale ed universale opinione sui fatti, che possono essere o meno successi, in un noto luogo che tutti sanno essere ufficialmente ed ufficiosamente sconosciuto. Faremo quindi una sintesi analitica. Come può quel tal personaggio, del partito politico avverso, affermare tutto e il contrario di tutto? Questa frase interrogativa dovrebbe, nella sicurezza del dubbio, essere affermativa. Lasciatemi dire, parlo non a nome mio ma degli altri componenti il partito, che il politically correct è civilmente scorretto. In questa dubbiosa certezza noi vogliamo intravedere, nel buio più assoluto, l’apparente verità che, se esaminata a fondo, dimostra in superficie una realtà sognata e, per altro, completamente diversa.

E come disse il poeta: fu vera gloria? dagli antenati avremo sentenza.

È infatti nella tradizione dei nostri antenati conoscere queste cose. Una tradizione che ci distingue da tutti gli altri, anche se siamo tutti uguali e non distinguibili. Come dirlo, in termini meno chiari?  Votate quindi per il nostro partito, il partito della bistecca, della televisione e della cronaca nera: forse non ve ne pentirete.

Da 2000 anni è più, questo tipo di partito e questo tipo di idee hanno convinto e governato il mondo.

Lanciatevi tutti, come un sol uomo, dove credete meglio: siete prigionieri della vostra libertà.

Concludendo, che questo sia l’inizio e non la conclusione: in una simile valle di lacrime, i nostri avversari spendono montagne di sorrisi. E così dicono tutto e il contrario di tutto, come ho già avuto modo di dire precedentemente. Anche nella loro apparente coerenza, sono superficialmente e fondamentalmente indecisi.

Non sia ora proferito invano un aneddoto sul qui vicino convento di Follina, lontano dal nostro modo di pensare ma proprio per questo esemplificativo di differenze che, a meno non si sia di opinioni diverse, sono parallelamente convergenti (per citare un famoso collega.)

I due frati vivandieri, addetti alle cucine, che, mostrando vivande, bevande e prebende ai loro confratelli, li invitavano a scegliere tra dei meravigliosi pesci serranidi e degli altrettanto meravigliosi calamari, attesero la risposta disposta ad acclarare chiaramente cosa mangiare eppertanto che cosa preparare.

I confratelli si consultarono e poi, rivoltisi ai due dispensieri, con voci molto individuali, dissero all’unisono: “Orate, fratres!” che ad onor del vero, non sta a significare ‘pregate, fratelli in Dio‘, né tanto meno “fratelli in Dio, vogliamo le orate“, ché sarebbe troppo elementare e terreno per uomini di tal fatta. Permane quindi chiaramente il mistero sull’oscura risposta.”

Al nostro inviato, giornalista dell’Eco Silenziosa, che con schiarimenti della rauca voce chiedeva chiarimenti, fu risposto, sic et simpliciter, illico et immediate:

Benedéto! essendo noi frati amanuensi, i calamari li adoperiamo per tutt’altra cosa eppertanto lungi da noi macchiarsi d’inchiostro nel chiostro.

Questo aneddoto ha il dono dell’autospiegazione: a buon intenditor, poche parole.

Ebbene, dopo questo discorso, di Cicerone epigono, che fa da epilogo, non aggiungo altro.

Se, a causa della tarda ora, non vi siete ancora addormentati, vi comunico che lo sproloquio è finito.”

Fin qua, il discorso del politic-ante litteram.

Quale fu la reazione del pubblico? Eccola:

Prima si scatenò un uragano di applausi: mentre il politic-ante litteram credeva che fossero per lui, la realtà fu che gli applausi furono tutti per la ‘neuro’ che stava arrivando.

 Anzi no: per la polizia che stava arrivando.

 Anzi no: per i carabinieri che stavano arrivando.

 Anzi no: per la Consob che stava arrivando.

 Anzi no: per la Banca d’Italia che stava arrivando.

Per il discorso, impudente ed imprudente, fu condannato, senza appello, ad un giorno di profonda riflessione. Male lingue dicono che il giudice, Tacito Nolenti, fosse un simpatizzante dell’accorrente corrente politica ma… non ci sono prove concrete.

Un esperto di araldica, dice che lo stemma del politico fosse composto da due capoversi:

a ciascuno il suo
e a me quello di tutti

ma, per questioni di spazio, solo il primo capoverso aveva trovato posto nello stemma: tutto sommato, una questione di secondaria importanza.

 

@@@@

Toni faceva il pittore perché quando usava i colori aveva una sua tonalità  originale. Per questo molti pittori si chiamano Toni: per la tonalità.

Dice: Faceva il pittore di quadri o l’imbianchino?

Il pittore di quadri, perché di cognome faceva Bianchi e quindi, ovviamente, imbianchi? no. Non lo poteva fare. Nemmeno all’occorrenza.

Tuttavia, Toni non era soddisfatto, perché gli commissionavano sempre dei quadri rotondi, circolari, delle specie di cammei, i quali peraltro sarebbero ovali.

A parte il problema che non riusciva a quadrare il cerchio dei quadri cicolari od ovali che fossero, Toni malvoleva questo tipo di commissioni anche per un altro motivo: era molto religioso. Egli era memore quindi del passo evangelico che recita: “… è più facile che un cammeo…”  (Marco 10,25; Matteo 19,24; Luca 18,25. Giovanni non ne fa menzione: ce l’aveva su coi pittori e coi dipintori).

@@@@

Dice Carlo:

Mia moglie mi ama tantissimo e fa tutto quello che desidero; insomma, non mi fa mai mancare niente.

Pensa che, nella parte interna del frigorifero, ha messo persino un cartello dove sta  scritto: ”Baciare Carlo quando arriva.

Considera come sia premurosa… e che gentilezza. Avere una donna che pensa sempre a te è una grandissima soddisfazione.

Imprimatur: si approva, venga dato alle stampe.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...