Il dialetto veneziano 1 [591]

1961Mori
1961 Piazza San Marco a Venezia – Ernesto Giorgi©

Esponiamo, in questo scritto, alcune frasi molto comuni a Venezia. Lo scopo è quello di mostrare come in un dialetto si riflettano alcune caratteristiche psicologiche di una popolazione, le quali dipendono dalla sua storia, dalla sua cultura e come le stesse caratteristiche siano, d’altronde, influenzate pure da questioni economiche.

Insomma, non è un caso se, ad esempio, l’ironia che caratterizza la gente veneziana sia riflessa nel dialetto.

Dovremmo considerare che, secondo chi scrive, la filosofia veneziana è dipesa essenzialmente da:

  • Una delle poche vere democrazie della storia (la famosa concio durata praticamente dagli inizi sino al 1297), la Repubblica di Venezia è caduta sotto una ferrea dittatura oligarchica (dal 1297, per l’appunto), che ha saputo imporsi ed acquistare prestigio nell’universo mondo conosciuto.
  • Nessuna ribellione o quasi, se si eccettua Marin Faliero e pochi altri, per il semplice motivo che sotto la Repubblica si stava bene; è come se la filosofia veneziana avesse avuto per secoli il seguente punto di vista: “Non siamo liberi, è vero, ma stiamo meglio di tutti: prendiamola con un grano di sale e ridiamoci su. Ma se non dovessimo stare più bene, allora per gli oligarchi sarebbero dolori.”

Com’è noto, dopo cinquecento anni di dittatura, esattamente nel 1797, gli oligarchi aristocratici cedettero a Napoleone senza colpo ferire, sparando sui popolani sul Ponte di Rialto che volevano proseguire con la Repubblica: la popolazione riteneva conveniente l’oligarchia più di quanto gli oligarchi stessi. La popolazione era, per dirla in un modo noto, più papista del papa.

Napoleone, il successivo dominio austriaco e l’improvvido sopravvenire dei Savoia nel 1866 riempirono i veneziani di amarezza e la filosofia popolana acquistò anche un certo fatalismo, il quale va abbinato al cinismo, generato a sua volta dal preferire il benessere alla libertà. Per chi conosce il popolo veneziano, sa che la Rivoluzione Francese del 1789 con le sue tra affermazioni (libertà, uguaglianza, fratellanza) erano considerate fuori dalla realtà. In questo contesto, si può meglio comprendere il messaggio implicito nella canzoncina:

Dantón, caro Dantón,
come Falièr, ti gèri un …jón:
par finìr ła to rivolussión,
xe bastà Napoleón.

[Danton, caro Danton,
come Marin Faliéro, eri proprio uno sciocco:
per finir la tua rivoluzione,
è bastato Napoleone]

IL che, rispecchia quanto detto più sopra e che costituisce una costante del pensiero veneziano. Come si sa, il doge Marin Faliero voleva rispristinare, dopo il colpo di stato del 1297, la concio, la democrazia e quant’altro. Gli andò molto male e fu decapitato. Il popolo, memore di questo, chiamava e ancora chiama con l’ironico appellativo di Falièr tutti gli arruffapopoli alla Masaniello, i quali a Venezia faticherebbero enormemente a trovare dei seguaci.

Un dialogo che si sente spesso può essere simulato nel modo seguente:

Arruffapopoli: “E cussì, comandémo nuialtri!”

Popolano: E dòpo?

Arruffapopoli: “E dòpo sémo lìberi!”

Popolano E dòpo?”

Arruffapopoli: “E dòpo fémo la béla vìta!”

Popolano: “Ti vol dìr lìberi dal pàn e dal formàgio! quésto xe fàssiłe. Ma mi, sul me pìcolo, la bèla vità só xà drìo fàrla…”

Arruffapopoli: “Lìberi de far quéło che vołèmo…el pan è’l formàgio no sarà na quistión…”

Popolano: “Stà ‘tènto, moréto, a no finìr cóme Faliér, mi vògio magnàr…el xe el destìn déi poaréti, de no comandàr.”

Coro di popolani:”Xeła Francia, xeła Spagna, ‘mi me bàsta che se màgna.”

[E così, comanderemo noi – e così saremo liberi – e dopo faremo la bella vita – vuoi dire liberi (cioè senza) dal pane e dal formaggio! Questo è facile. Ma io, nel mio piccolo, la bella vita la sto già facendo – liberi di fare ciò che vogliamo… e il pane col formaggio non saranno un problema – stai attento, giovanotto, a non finire come Marin Faliero, io voglio mangiare… è il destino della gente semplice di non poter comandare – che sia Francia, che sia Spagna, a me basta che si mangi]

@@@

Gran fàto:

  • dovesse succedere che… sarebbe inaudito o quasi.
  • Dio non voglia che succeda…

Esempio: Gran fàto che ciàpa un póchi de branxìni, ‘ndémo a fàrsełi far a ła Brónsa de ła Bràgora…

[Nell’ipotesi che io peschi alcuni branzini, andiamo a farceli fare alla trattoria alla Brace della parrocchia di San Giovanni in Bragora. (Brónsa, trattoria speciale di Venezia dove si faceva tutto alla brace e si cuoceva anche il pesce portato dagli avventori, a patto che lo consumassero sul posto)]

@@@

Altro esempio: Gran fàto che me tóca sposàrme, ‘lóra vorìa che…

[Nell’ipotesi poco probabile (auspicata? temuta?) che mi debba sposare, allora vorrei che…] Dal contesto non si capisce se chi parla attenda con ansia o con paura il matrimonio.

@@@

Da séno: Detto dopo averci riflettuto bene, non buttato là tanto per parlare; seriamente, scherzi a parte. Si usa anche dopo un interludio scherzoso, per riprendere un discorso serio.

Esempio: ”Cóme ti sta…” [Come stai? Difficilissimamente il veneziano alza il tono finale della frase per far sentire la proposizione interrogativa: piuttosto, tende a strascicare il finale]

Risposta: “A bèssi o a respìri… da séno, no me łàgno…”  [A quattrini o a respiri? (cioè salute?)  seriamente, non mi posso lamentare.]

@@@

Cantilena:

I òmini sénsa bèssi no pàra gnànca bon… [Gli uomini senza quattrini, oltre al resto, non fanno nemmeno bella figura.]

Alla domenica, prima di uscire, il marito dice alla moglie: “Zànze, pàro bon…” [Angela, faccio la mia figura?] “Si, Anzołéti, ti par bón ma no stà caminàr cussì, che par che ti gàbi magnà un mànego de scóa: camìna cóme ‘l to sòłito…” [Si, Angelino, fai la tua figura ma non camminare così, ché sembra che tu abbia inghiottito un manico si scopa (non camminare impettito e rigido): cammina come al tuo solito…]

@@@

Questa sembra di Carlo Goldoni ma non lo è:

Sulla scena, poniamo un signore benestante e attempato, che chiameremo Pantalone, secondo l’usanza e inoltre un giovane non troppo avveduto, che sempre secondo la tradizione delle maschere viene chiamato Zani.

Zani: “Quànti àni gàło, siór Pantalón…”

Pantalone: “I àni xe cóme i bèssi: bisògna tegnìrsei e no fàrghe savér a nissùni quànti che i xe…”

Zani: “Cóme łe dóne…”

Pantalone: “No, càro, ła xe la stòria de łe quàtro domànde…”

Zani: “Cóme sarìa…”

Pantalone: “Mi savéva che no ti savévi…”

Zani: “El fàssa un’ópera pìa: el me spiéga…”

Pantalone: “Te spiegarò ma bixógna che ti me òfri inmànco un cafè.”

Zani: “Va bén, va bén…”

Pantalone: “La prìma domànda xe quéla che ti me ga fàto: <quànti àni gàlo>. E metémo che mi te rispónda che ne ghe go tànti, cussì e cussì.

Secónda domànda: <e a mi, quanti me ne daréssio>. E mi no te rispóndo vìnti o trénta o quéło che pénso: te rispóndo che no te ne dàgo gnànca ùn.

Dòpo rìva ła tèrsa domànda: <quànti bèssi gàlo>, che ła xe cóme ła prìma, sóło che la xe sui bèssi e no sui àni.

Metémo che mi te rispònda quànti bèssi che go, cóme che te gò rispòsto quànti àni che go: ła quàrta domànda ła sarà de sicùro cóme ła secónda, sóło che invésse de dìr <e a mi quànti àni me dàło> ła sarà <e a mi quànti bèssi me dàlo>. E mi te rispondarò cóme a ła secónda domànda: gnànca un.

Dèsso, ‘ndémo a bévarse el café. Da séno, te gò fàto un bón prèsso…”

ITALIANO

Zani: “Quanti anni ha, signor Pantalone?”

Pantalone: “Gli anni sono come i quattrini: bisogna tenerseli e non far sapere ad alcuno quanti siano…”

Zani: “Come le donne?”

Pantalone: “No, caro, è la storia delle quattro domande…”

Zani: “Come sarebbe?”

Pantalone: “Sapevo che non sapevi…”

Zani: “Faccia un’opera pia: mi spieghi…”

Pantalone: “Ti spiegherò ma devi offrirmi almeno un caffè.”

Zani: “Va bene, va bene…”

Pantalone: “La prima domanda è quella che mi hai fatto: <quanti anni ha>. E supponiamo che io ti risponda che ne ho tanti, così e così.

Seconda domanda: <e a me, lei quanti ne darebbe. E io non ti rispondo venti o trenta o quello che penso: ti rispondo che non te ne do nemmeno uno.

Poi arriva la terza domanda: <quanti quattrini ha>, che è come la prima, solo che è sui quattrini e non sugli anni.

Supponiamo che io ti risponda quanti quattrini ho, così come ti ho risposto quanti anni ho: la quarta domanda sarà sicuramente come la seconda, solo che invece di chiedere <e a me, quanti anni darebbe>, sarà <e a me, quanti quattrini  darebbe. E io ti risponderò come alla seconda domanda. nemmeno uno.

Adesso, andiamo a berci il caffè. Parlando seriamente, ti ho fatto un buon prezzo…”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...