Promèteo 14 (2 di 2) [643]

CAPITOLO 14  – IL COPIONE

14.5 L’area del nostro copione (GN>B) è distribuita in uno spazio nella tabella qui subito sotto. Basta riflettere e pensare: quale, dei quattro casi, è maggiormente adatto a noi?

UN COPIONE PUÒ ESSERE:

  BANALE ECCEZIONALE
VINCENTE BV EV
PERDENTE BP EP

14.5.1 Copioni personali: l’esempio di una donna

ESEMPI DI MATRICE DI UN  COPIONE
Il Padre dice:   Viene detto al GAB della figlia:   La Madre dice:
Dammi soddisfazione

Lavora duro, come me, per piacere agli altri.

>>> 

G

<<<  (niente)
(niente) >>> 

A

<<<  PROGRAMMI
Non esistere >>> 

B

<<<  La vita è difficile.


Aiutami (ricatto).


Non lasciarmi sola.


Resta in simbiosi.


Non esistere.

In conseguenza, questa donna decide, ad esempio:

Decisioni Positive

Decisioni negative

Farò ciò che voglio.

Dimostrerò che posso farcela.

Vivrò per lungo tempo una vita interessante.

Sarò un’amica fedele e avrò bambini.

Aiuterò gli altri gratuitamente.

Vivrò fino a ottant’anni.

 

Mi sottometterò per piacere agli altri.

Mi nasconderò.

Non esprimerò i miei sentimenti.

Non sarò capita né riconosciuta.

Sarò sola, triste.

Sposerò uno che non amerò, che non mi amerà e che seppellirò.

La vita sarà dura.

Non avrò mezzi, non mi divertirò.

Gioirò della mia lotta inutile, inefficace, contro il tempo.

Sarò felice solo saltuariamente.

 

Ri-decisioni (prese dopo l’analisi del Copione)

Mi concedo il diritto di provare felicità, di dare felicità e di non essere necessariamente perfetta.

Non sono obbligata a vivere per far piacere agli altri.

 

Non fallirò nel matrimonio e per quanto mi riguarda, non perseguirò l’infelicità.

14.5.2 Copioni professionali: Roberto

Prometeo14_1

Da un punto di vista consuetudinario, molto probabilmente egli seguirà il Copione nel suo caso peggiore. Comunque, benché egli non possa cambiare le influenze del suo Copione (se non eliminandolo e riscrivendolo), le può analizzare, per lo meno quindi può essere cosciente, prima di decidere, se riprogrammarsi o meno. Nonostante tutto, il copione viene seguito dal 99% degli uomini, perché dà una certa sicurezza esistenziale. Quindi, uscirne, significa rischiare. L’AT può servire al nostro Roberto perché gli consentirebbe:

• Di saper cosa trasformare della propria vita.
• Di saper come trasformare la propria vita.
• Di credere a questa possibile trasformazione.

14.5.3 ANTONIO ROSSI – CASO COMPLETO.

Antonio Rossi, trent’anni, licenza di scienze economiche, è incaricato di studi in un’azienda di ricerche di mercato. Insoddisfatto del suo lavoro, vuole cambiare. Ha presentato la sua candidatura ad un organismo simile, situato in provincia e vorrebbe prepararsi al colloquio col nuovo probabile datore di lavoro. Si rivolge quindi ad un esperto di Analisi Transazionale, il quale gli propone di simulare con lui il prossimo colloquio. Questa simulazione, a giudizio dell’esperto, mostra immediatamente che Rossi non sa presentarsi in modo da valorizzare le proprie doti, anzi: timido e insicuro, minimizza continuamente i propri risultati e non parla del lavoro attuale se non come una sconfitta dovuta alla personalità ribollente ed autoritaria del suo attuale principale. La presentazione è negativa, manca di sicurezza e di precisione. A quel punto, l’esperto gli dice che se fosse il nuovo principale, direbbe tra sé: “Ecco una persona con molti problemi, penso che non mi convenga assumerlo…”

L’esperto fa allora parlare il nostro Antonio Rossi sul suo lavoro attuale. Antonio dice che ormai da sei mesi ha deciso di cambiare. In effetti, sei mesi prima egli consegnò al principale uno studio molto ben fatto e molto impegnativo, aspettandosi almeno un ringraziamento. Vista la massima indifferenza del suo principale, Antonio si è chiuso in sé stesso e dà una collaborazione passiva, al punto tale che è stato addirittura minacciato di licenziamento. Il colloquio che Antonio farà, in provincia, non è stato ottenuto per una ricerca sistematica ma per conoscenze familiari.

Oggi, il rapporto di Antonio col suo lavoro è così frustrante che egli teme di arrivare frustrato anche al nuovo colloquio. L’esperto di AT chiede allora ad Antonio di disegnare la curva della sua vita professionale passata, dalle origini ad oggi e di come Antonio preveda l’andamento da oggi verso il futuro. 

Prometeo14_2

Nel passato, quindi, Antonio ha avuto una vita di alti e bassi che è anche la vita di suo padre e che potrebbe riprodursi, in avvenire, come nel caso 3. Detto e scritto questo, Antonio allora disegna le curve del caso 1 e del caso 2, commentando:

“Se il lavoro di impegno professionale, che io sto facendo, riuscirà abbastanza bene, la mia vita futura sarà questa… (e punta con la matita sul caso 2). Ci sarebbe anche l’ipotesi che le cose andassero veramente bene e che il nuovo lavoro fosse proprio entusiasmante e allora la vita sarebbe questa… (e punta con la matita sul caso  1)”

“E quale può essere la più probabile?”

“Hum… penso che il caso 3, come mio padre, sia il più probabile, alti e bassi sempre, ma più bassi che alti…”

“Ci possono essere anche altre ipotesi?”

“Ce ne sarebbe un’altra ma non è piacevole…” (disegna il caso 4, con evidente incertezza)

“Come potrebbe succedere mai?”

“Beh… perdo il posto… non ne trovo altri… rimango disoccupato… e anche la mia  ragazza mi lascia…”

“Ma che cosa deve succedere perché si verifichi il caso 4?”

“Rispondo molto francamente: in fondo, basta che io prosegua come mi sono comportato fino ad ora…”

Commenti: a questo punto s’inizia, ovviamente,un dialogo più profondo e Antonio, su suggerimento dell’esperto,  prende tre nuove decisioni, che dovrebbero servire a sbarrare il campo alle probabilità, relative al caso 4:

1. Di non lasciare un lavoro, prima di averne trovato un altro.

2. Nel lavoro attuale, di non buttare il manico dietro alla mannaia (impegnarsi comunque sino alla fine).

3. Di non sottovalutarsi, senza per questo cadere in un eccesso opposto, ovvero un “sii perfetto”.

Lieto fine: si ritrovano, dopo qualche tempo e Antonio dice: “Straordinario! non so come ringraziarla. Il mio lavoro ha smesso di annoiarmi e sento che posso riuscire … a questo punto,  mi domando se sia veramente il caso di cambiare professione…”

“Bene, Antonio, ora bisogna esplorare tutto il Copione di cui non ti rendi ancora conto ma intanto sembra proprio che quelle tre nuove decisioni ti siano servite…”

 

14.5.4 COPIONI DI UN’ORGANIZZAZIONE.

Anche un’organizzazione ha il suo copione, contro-copione, mini-copione e in certi casi un anti-copione. Un ottimo esercizio è quello di riflettere su quello che un’azienda presenta come pubblicità.

Forniamo ora alcuni esempi di copione e contro-copione:

1. Senza direzione (obiettivi, prodotti).

2. Senza mezzi (finanziari, umani, tecnici).

3. Senza clima di benessere (sociale, economico).

4. Non più grande del proprietario (piccola impresa familiare).

5. Su, su e via (multi-nazionale incontrollabile).

6. Tutto e non importa cosa (holding senza unità).

7. Per niente i primi.

8. Al vostro servizio (senza iniziativa).

9. Il nostro mestiere e nient’altro (paralizzati nella propria specializzazione).

 

14.5.4.1 PER CONCLUDERE, UNA RIFLESSIONE.

Anche una comunità, una nazione, hanno il GAB: in effetti, Jung, quando parla di inconscio a vari livelli, arriva all’identificazione di un concetto simile. Vediamo quali problemi di GAB possano sorgere:

1. Un dirigente che passa da una grossa impresa pubblica industriale del Nord a una piccola industria familiare di provincia nel Sud: il GAB dell’impresa precedente incongruente col GAB di questa.

2. Arrivano in un’impresa giovani con valori diversi, GAB personali diversi a confronto col GAB della stessa impresa.

3. Una fusione di due imprese, i due GAB a confronto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...