Pensieri 7 [661]

malraux
L’immagine è un omaggio ad André Malraux (1901 – 1976) scrittore e politico francese. In particolare, il suo romanzo autobiografico, ‘La condizione umana’, rimane, secondo noi, una delle cose che si debbono leggere. Malraux fu insignito di cinque onorificenze francesi e di ventotto straniere.

Per problemi di lingua, non più corrente, ci troviamo nella condizione di modificare alcuni testi, se non nello spirito, nelle lettere. Ove possibile, i testi si lasciano invariati.

Giuseppe Prezzolini (Perugia, 1882 – Lugano, 1982)

Di questo autore, Giuseppe Prezzolini, abbiamo fatto una recensione particolare al numero [611], col titolo ‘Fessi e Furbi’, che vi consigliamo di leggere. Sono qui riportati alcuni pensieri di Prezzolini, che esulano dagli argomenti di cui al citato articolo.

Nella mente di sant’Agostino e nella mente di Kant son state combattute battaglie ben più importanti e ben più grandiose di quelle di Alessandro Magno e di Napoleone Bonaparte.

Bisogna considerare che è sempre comodo imparare, in modo particolare dai nemici; è sempre nocivo insegnare, in modo particolare agli amici.

La medicina dovrebbe studiare piuttosto il modo di far cessare il dolore, che la malattia. Nessuno sa fare il dono d’un grammo di stricnina ad un cieco, ad un paralitico, ad un idiota.

Il dilettantismo è segno di grande abbondanza di volontà.

Una donna che si ama, non si sposa; il peggiore insulto che possiate farle è di trasformarla da amante in moglie.

I fiori sono il miglior regalo, perché durano poco. Il borghese cerca ‘un regalo che duri’, ovvero ‘qualcosa di utile’: tale spirito borghese vuole imporre la gratitudine. I regali che durano, pesano. Io odio tutto ciò che mi lega. Un libro regalato impone nella biblioteca la vista della sua eterna costola rossa a fregi d’oro, con l’immancabile stupida, quanto falsa, dedica. Il fiore è leggero, passeggero discreto; occupa un piccolo posto nel vaso, vi resta due o tre giorni, chiede solo un po’ d’acqua fresca, declina, appassisce, muore; disturba per poco; si lascia dimenticare; non è grave e materiale, come le cose che restano.

Riflettendo, devo dire che mio padre mi sarebbe stato forse simpatico, come uomo, se non fosse stato mio padre. Ciò che si è scelto è sempre preferibile a ciò che ci è stato imposto.

La categoria più alta dei libri, mi sembra essere quella dei libri scritti per i bambini che dopo divennero lettura degli adulti: come ‘Pinocchio‘ di Collodi e ‘Le novelle‘ di Andersen.

La caratteristica delle eccezioni è che, moltiplicandosi, diventano regole. Questo, soprattutto, con riferimento alle opinioni dei popoli.

 

 

Ugo Bernasconi (Buenos Aires, 1874 -Cantù, 1960)

Pittore e letterato, nacque da una famiglia lombarda emigrata in Argentina. Egli è rientrato in Italia, con la famiglia, a 8 anni di età.

 

Bisogna difendere strenuamente la propria parte d’infelicità.

Vi sono delle cariche molto strane: tali cariche non si possono dare a persone stupide ed allo stesso tempo le persone intelligenti non le possono accettare.

Gli spiriti femminei disprezzano le donne.

Il dramma della vera Babele non è tanto dove si parlano lingue diverse ma dove tutti credono di parlare la stessa lingue e ciascuno attribuisce, alle stesse parole, un significato diverso.

Il vero intellettuale, di antica esperienza, impara che deve prendersela soprattutto con gli intellettuali.

Chi dice ‘vorrei tornare fanciullo’ lo è già: è ancora come un fanciullo.

Quando ci fa uscire dal dubbio e ci dà delle certezze, anche la cattiva sorte ci è gradita.

La vita c’insegna quello che noi vogliamo che ci insegni: la stessa identica avventura, può fare di Tizio un uomo prudente e di Caio un uomo temerario.

Certuni si vantano dei loro cattivi sentimenti. Stanno mostrando la loro parte migliore e stanno nascondendo i loro sentimenti pessimi.

Talvolta, una donna consiglia all’uomo di essere vile. Non la si deve ascoltare. Se non l’ascolti, è pronta ad ammirarti.

Chi sente di avere per sé un grande avvenire, resiste benissimo ad un duro presente.

Al mediocre non rimane altro che fare da giudice agli eventuali errori del più capace.

L’innamorato non è mai solo, purché stia lontano dall’altra gente.

Una delle maggiori prove del valore intrinseco di un uomo è data dalle qualità della donna che si è prescelta.

Non è amore se non c’è mai stato alcun dolore.

Le lagrime aprono la via ai pensieri di miglioramento.

Si può andare dall’odio all’amore per una persona ma non si può tornare indietro dall’amore all’odio.

Ci sono delle ferite che, tutto sommato, giova rimangano aperte.

Molte volte, per paura di fare un salto nel buio, preferiamo lasciarci sommergere da una penombra che un poco alla volta si fa sempre più buia.

Chi dice: ‘non so bene; forse credo e forse no’, in realtà non crede.

Non puoi guarire l’ammalato se egli stesso non si riconosca ammalato. Non si può dare maggior coscienza a chi non aspiri ad approfondire la sua coscienza.

Se tu hai la fede e un altro dice di non averla ma ti ammira per la tua fede, costui ha già la fede dentro di sé.

L’ipotizzata fede, che nelle disgrazie non si rafforzi, non era ancora fede.

Una saggezza, che si faccia influenzare dalla buona o cattiva fortuna, non era vera saggezza.

Il castigo di chi provvede a comperarsi le lodi è ch’egli finisce col credere alle lodi pagate.

Purtroppo, bisogna scegliere tra questi due mali: essere uno sciocco oppure essere deriso dagli sciocchi.

Nel paese di XX, dove tutti prendano la vita superficialmente, chi si comporti con impegno sembrerà uno stravagante.

Non puoi pretendere che parlino bene di te, se ciò equivale a dir male di loro stessi.

Molte volte, la nostra severa critica per i trascorsi commessi dagli altri, in realtà viene dal rammarico di non aver noi mai osato di commetterne di simili.

Con le donne, non è raro pentirsi di essersi comportati da galantuomini.

Chi cambia continuamente punto di vista, conclude spesso che le cose del mondo sono mutate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...