Marco e Todaro 19 [677]

marcoTodaro
Exergo: dedicata all’amico Marino Favrin, che ama questi due personaggi. Questa è la prima volta che facciamo una dedica.

(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 18).

Una storia di Pasqua 2019 per i ragazzi di scuola.

   Todaro: “Càro el me Màrco, sémo sémpre ‘ndài d’acòrdo ma stavòlta go da dìrte ‘na ròba che go sul stòmego da ‘cal póco…”

[Caro Marco, siamo sempre andati d’accordo ma questa volta devo dirti una cosa che ho sullo stomaco da non poco tempo].

Marco: “Dìme tùto, sa, dimè tuto, siór Tòdaro brontołón, no ti vorà mìga che se metémo in smàra dòpo sècułi che sèmo qua… su ‘ste cołòne… no pól far che ła sìa ‘na piavołàda…” [Dimmi tutto, (sa =  decisamente, con forza), dimmi tutto, signor Todaro brontolone (famoso personaggio del Goldoni), non vorrai mica che noi si smetta di parlarci (= métarse in smàra) dopo secoli che siamo qua, su queste colonne… magari sarà una cosa da poco (piavolàda:  da piàvoła, bambola, cosa da bambole, cosa infantile)]

Todaro: “Ti ła ga inbrocàda ‘nca sta vòlta, Marco, ‘na piavołada de sicùro ma xé dal 1945 che mi vołéva dìrteła. Ti te ricordarà che, prìma de ti, el patròno dei venessiàni gèra mi e ła fèsta gèra ai nòve de novèmbre. E no par dàrme àrie, sa, che no ti crédi ma mi gavéva ‘nca n’àltra fèsta: ai sète de febràro, a novémbre cóme soldà dell’esèrcito de Róma e a febràro cóme generàl: San Teodòro de Amasèa, do fèste par un sànto sóło. Te dìgo, parché da ła fìne de ła secónda guèra i ga fàto, ai vìnti sìnque de aprìl, la Fésta de ła Liberassiòn. Su sta manièra, i bòce che va a scuòła i pèrde ogni àno un giòrno de vacànsa parché, se el patròno fùsse mi, i tósi i farìa fèsta ai vìnti sìnque de aprìl e ànca ai nòve de novémbre o magàri ai sète de febràro. Se dopo i vołésse festegiàrme do vòlte, i farìa in tùto tre fèste invésse de ùna… gràn fàto che dèsso ghe xe do fèste el stésso giórno… ghe xe łagnànse, Marco, ghe xe łagnànse…” [L’hai indovinata anche questa volta, Marco, una sciocchezza di sicuro ma è dal 1945 che volevo dirtela. Ricorderai che, prima di te, il patrono dei veneziani ero io e la festa era al nove novembre. E non per darmi arie, che tu non voglia nemmeno pensarlo, ma io avevo anche un’altra festa: al sette febbraio, a novembre come soldato dell’esercito di Roma e a febbraio come generale: San Teodoro di Amasea, due feste per un santo solo. Te lo dico perché dalla fine della seconda guerra hanno fatto, al venticinque di aprile, la Festa della Liberazione. In questo modo, i bambini che vanno a scuola perdono ogni anno un giorno di vacanza perché, se il patrono fossi io, i ragazzi farebbero festa al venticinque di aprile e anche al nove novembre o magari al sette febbraio. Se, poi, volessero festeggiarmi due volte, farebbero in tutto tre feste invece di una… il fatto è che attualmente ci sono due feste nello stesso giorno… ci sono lagnanze, Marco, ci sono lagnanze…]

Marco: “Caro el me Todaro… e mi pensàva chissà còssa… se ti vól, par fàrte de garanghèło, te firmo tùte łe càrte… va dal Patriàrca e dìghe che’l méta de nóvo Todaro… in tànto, disémoghe Bóna Pàsqua a chi che lèxe…” [Caro il mio Todaro… ed io pensavo chissà cosa… se vuoi, per farti provare una sensazione di felicità, di baldoria, ti firmo tutte le carte… vai dal Patriarca e digli di metter nuovamente Todaro… intanto, diciamo Buona Pasqua a chi legge…]

Todaro: “Ti xe nòbiłe… no vògio far più gnénte, me bàsta ła sodisfassión… i fiói, a pensàrghe bén, ànca se i stùdia ‘na zornàda in più… Bóna Pàsqua a tùti… “ [Sei nobile… non voglio far più niente, mi basta la soddisfazione…  i ragazzi, a pensarci bene, anche se studiano una giornata in più… Buona Pasqua a tutti…]

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...