Storia d’amore: Paradiso [712]

morosicelesteRevisione del 24 aprile 2020 – Da molto tempo dovevo pubblicare questa storia ma rinviavo sempre, perché non sapevo come raccontarla: Ho deciso di farlo, pubblicando esattamente un documento scritto a mano, che a suo tempo mi era stato affidato dal mio amico Cesare F., sistemando solamente alcuni piccoli particolari, per rendere lo stesso scritto comprensibile anche a chi non è veneziano.

 

Cesare F. mi aveva affidato questo suo scritto, pregandomi di farlo conoscere il più tardi possibile, per varî motivi che esamineremo.

Il documento è quello originale di Cesare F., affidatomi nel 1962, con le seguenti osservazioni:

  • I fatti, i luoghi e i tempi sono assolutamente veri.
  • Sono stati modificati solo i nomi e i riferimenti personali, per ovvî motivi.
  • Le parentesi quadre [con le scritte in rosso] non sono di Cesare F. e sono state aggiunte come annotazioni ritenute necessarie e come traduzione dal veneziano all’ italiano.

Prima di sottoporre al lettore il documento di Cesare F., daremo alcuni chiarimenti sui tre personaggi principali:

  • Cesare F. – mio amico, successivamente laureatosi in antropologia e partito, subito dopo avermi consegnato il documento, per l’America del Sud, con una notissima organizzazione scientifica etnologica veneziana e anche come botanico per conto di una nota casa farmaceutica veneta. Cesare stava cercando principî attivi tra i vegetali usati dai Bororo, popolazione dell’America del sud, nel Mato Grosso do Sul, quando, di lui, è stata persa ogni traccia. Per sempre.
  • Alvise Z.  – appartenente ad una famiglia veneziana ‘de càsa vècia’. Le famiglie di casa vecchia, cosiddette, erano quelle che, nel 1297, parteciparono al colpo di stato che instaurò l’oligarchia nella Serenissima: da quel momento, solo tali famiglie governarono la Repubblica, sino al 1797, esattamente per 500 anni, quando tutto finì, per mano di Napoleone. La famiglia Z. era stata preposta per anni, dalla Serenissima, alternandosi ai conti Marcello, all’ esazione delle tasse. Come la famiglia Marcello, anche la famiglia Z. era proprietaria, grosso modo, di un quarto delle abitazioni del centro storico veneziano. Alvise, oltre che amico intimo di Cesare, era anche mio amico ma non altrettanto intimo. Bel giovane, piacente, dallo sguardo fiero, educatissimo, taciturno, colto, intelligente, tenebroso e generoso: egli era, forse, in quel periodo, il miglior partito di Venezia. Il periodo, come dicevo, era attorno al 1961 e tutti noi avevamo un’età che andava dai 18 ai 20 anni. Alvise era noto per essere tutto tranne che un Casanova. Sull’ argomento ragazze, era molto schivo e sosteneva che fosse così perché temeva di essere considerato dal gentil sesso solo per la sua condizione familiare, molto agiata. Una volta, tuttavia (eravamo in tre: Alvise, Cesare ed io), egli disse (in veneziano, perché, benché parlasse perfettamente l’italiano, non lo sopportava e cercava di usare la lingua di Dante il meno possibile):Xe ànca cólpa de me nòno Enrico, sà, che ‘na vòlta, parlàndo del fàto che prìma o dòpo me sarìa sposà ‘nca mi, el me spiegàva cóme che gavarìa dovésto far par decìder su che morósa preferìr. El me gà dìto che, quàndo che mi gavésse vìsto ‘na tósa che caminàva destacàda un déo da tèra, mi gavarìa dovèsto dichiaràrme in bòto. Mi ghe go dìto gràssie, che trovàvo l’imàgine metafòrica bełìssima è che gavévo capìo: secondo me nòno, el critèrio el gèra, insóma, quéło de consideràr ła dełicatéssa, ła gentiłéssa, ła dolcéssa. El me xe saltà su, diséndome che no ghe gèra nissùna metàfora. Me ricordarò sémpre che el me gà dìto: un déo da tèra! vól dir che ti ga da védarla caminàr un dèo da tèra, leteràl! sinò xe mègio che ti rèsti da sposàr! Mi… mi no podéva contradìrlo… me pàre me gavarìa cavà na récia e po’, el discórso, tùto somàto, no me dispiaséva, no so bén parché…insóma, che sìa parché go paùra che a ste tóse ghe piàsa i me schèi o no, me dirè stùpido ma… mi, da quèła vòlta che me gà parlà me nòno, vàrdo co ła cóa de l’ òcio se łe camìna a un dèo da tèra: vorà dìr che restarò da sposàr… passiénsa… fin dèsso, no ghe ne go vista gnànca ùna e, da séno, no gò gnànca capìo bén el discórso de me nòno…” [La colpa è anche di mio nonno Enrico, capitemi bene, che una volta, parlando del fatto che prima o poi mi sarei sposato anch’ io, mi spiegava come avrei dovuto fare per decidere circa quale fidanzata preferire. Mi ha detto che, quando io avessi visto una ragazza che camminava staccata un dito dal suolo, io avrei dovuto dichiararmi immediatamente. Io gli ho detto grazie, che trovavo l’immagine metaforica bellissima e che avevo capito: secondo mio nonno, il criterio (di scelta) era, insomma, quello di considerare la delicatezza, la gentilezza, la dolcezza. Mi è saltato su, dicendomi che non c’era alcuna metafora. Mi ricorderò sempre che mi ha detto: un dito dal suolo! vuol dire che la devi veder camminare sollevata un dito dal suolo, letteralmente! altrimenti, è meglio che tu rimanga da sposare. Io… io non lo potevo contraddire… mio padre mi avrebbe staccato un orecchio e poi, il discorso, tutto sommato, non mi dispiaceva, non so bene perché…. insomma, che sia perché ho paura che (alle ragazze) piacciano i miei soldi o meno, mi direte stupido ma… io, da quella volta che mi ha parlato mio nonno, guardo con la coda dell’occhio se camminano ad un dito dal suolo: vorrà dire che rimarrò da sposare… pazienza… fino ad ora, non ne ho vista nemmeno una e , in verità, non ho nemmeno capito bene il discorso di mio nonno…]
  • Venere –  meravigliosa fanciulla (a detta di Alvise Z.) denominata da lui Venere, appartenente ad una vecchissima, principesca, famiglia veneziana, molto benestante, famiglia che ha fatto parte del governo locale dell’isola di Zante (la Zacinto di Ugo Foscolo) dal 1194 sino al 1797, quando l’isola stessa, col Trattato di Campoformido, fu ceduta a Napoleone.

Qui, s’inizia il documento di Cesare.

L’incontro con Alvise Z., testo di Cesare F.

Nel giugno del 1962, saranno state le 9 del mattino, passavo per Campo Santo Stefano quando, in un tavolino appartato del notissimo Caffè Paolin, vedo seduto, con aria meditabonda, il mio carissimo amico Alvise Z. Mi avvicino e dico: “Ciao, Alvise, ti me par San Giròłamo… in piéna meditassión… còssa xe nàto… scométo che sarà na piavołàda… se ti ga problèmi ti, còssa dovarìa far la zénte normàl…” [mi sembri San Girolamo, in piena meditazione… cos’è mai successo… scommetto che si tratta di una sciocchezza… se hai problemi tu, cosa dovrebbe fare la gente normale…]

Alvise: ”Ciào, Césere, séntite, fàme un piassér, che cussì me fàsso un póco de coràgio… o cóntime calcòssa, par straviàrme… a propòsito, te ciàmo Màrio, órdina calcòssa…” [siediti, fammi un favore, che così mi faccio un poco di coraggio… o raccontami qualcosa, per distrarmi… a proposito, ti chiamo Mario, ordina qualcosa…]

Con un cenno, chiama il cameriere e gli allunga due biglietti da mille lire, dicendo:

Mario, par piassér, ti podaréssi portàrghe un capucìno e ‘na fugasséta al me amìgo Cesere… e tiénte tùto quà… ànca ła me consumassión…” [Mario, per piacere, potresti portare al mio amico Cesare un cappuccino e una briôche… e tieniti tutto qua… anche la mia consumazione]

Mario: ”Siór conte, łù el xe qua, davànti a ‘sto tavołìn, da prìma che verzìssimo, xe cóme dir: da prìma de łe sète… e no ghe xè gnénte da tègner parché no’l gà bevùo gnànca un cafè… mi, ło go vìsto in pensièri e no ło gò disturbà…” [Signor conte, lei è qua, davant ia questo tavolino, da prima che aprissimo, come dire; da prima delle sette… e non c’è niente da tenere, perché non ha bevuto nemmeno un caffè… io, l’ho vista in pensieri e non l’ho disturbata…]

Alvise: ”Scùsime… ma… sò pèrso, pòrtime un pèr de café ànca a mi…” [Scusami, ma sono perso, porta un paio di caffè pure a me…]

Mario va e torna con un vassoio, cappuccino, briôche e due caffè. Alvise gli fa cenno di tenersi tutto il resto come mancia. Io non avevo ordinato quella consumazione e dico:

Scólta, Alvise, ti stà quà da trè óre sénsa tór gnénte, pèrso pàl caìgo de i to pensiéri, ti me órdini capucìno e fugasséta che mi no gavéva ordinà, ti te bévi do café come un nevrastènico… se ti vól parlàr, pàrla ma se ti vòl stàr ti sóło, mi gèra drìo ‘ndàr in cartołerìa e…” [Senti, Alvise, stai qui da tre ore senza consumare niente, perso nelle nebbie dei tuoi pensieri, mi ordini cappuccino e briôche che non avevo ordinato, ti bevi due caffè come un nevrastenico… se vuoi parlare, parla ma se vuoi rimanere solo, io stavo andando in cartoleria e…]

Alvise: “No, Cesere, stà quà, fàme un piassér, dèsso tacarò ła stòria…” [No, Cesare, rimani qua, fammi un piacere, ora darò inizio alla storia…]

Cesare: “Tàca, benedéto, tàca… ła pararìa, a nàso, ‘na quistión de dòne… gran fàto che ànca ti, el più famóso misògino de Venèssia… [Comincia, caro, comincia… sembrerebbe, a naso, una questione di donne… possibile che anche tu, il più famoso misogino di Venezia…]

Alvise: “Gò paùra che ti gàbi pròpio indovinà… ma ti vedarà che, ànca ti, no ti sarà in gràdo de dàrme ‘na màn…” [Ho paura che tu abbia proprio indovinato… ma vedrai che, anche tu, non sarai in grado di darmi una mano…]

Cesare: “Alvise, scomìnsia dall’ incipit: no pól fàr che’l sìa el sistèma più sèmplice…” [Alvise, comincia dall’incipit (latino: dall’inizio): probabilmente sarà il sistema più semplice…]

Alvise: “Dal prinsìpio… ‘in principio creavit Deus caelum et terram…’ e dòpo el xe ‘ndà a Zànte e, cóme che dìxe el Fóscoło, el gà creà Venere…” [Dal principio… in principio, Dio creò il cielo e la terra… e dopo è andato a Zante e, come dice il Foscolo, ha creato Venere…]

Cesare: “Va bèn tùto ma missiàr el prìmo verséto in latìn del Gènesi co łe poesìe de Ugo Fóscoło, me pàr che…” [Va bene tutto ma mescolare il primo versetto in latino del Genesi (primo libro della Bibbia) con le poesie di Ugo Foscolo, mi sembra che…]

Alvise: “Xe stà me cugina Daniela… sicóme ła díxe che so’ un ròspo selvàrego, bontà sùa, sénsa che nissùni ghe gàbia dìto gnènte, ła se gà ciapà l’incàrico de organizàrme ła vìta sociàl, col consénso de ła signóra contéssa, me màma e cussì me so trovà, sénsa savér, a stó riceviménto, à łe sìe de la séra, quà, rénte Càmpo San Stéfano, quàsi a l’Acadèmia, dóve che go conossùo Venere: Venere no xe el so nòme ma siccóme ła xe nassùa a Zante, ‘dove le acque si fecondarono’ col só prìmo sorìso… a propòsito, ti conossarà de sicùro me cugìna, Daniela Z…” [è stata mia cugina Daniela… siccome lei dice che sono un rospo selvatico, bontà sua, senza che alcuno le abbia detto niente, si è presa l’incarico di organizzarmi la vita sociale, col beneplacito della signora contessa, mia mamma e così mi sono trovato, senza sapere, a questo ricevimento, alle sei di sera, qui vicino a Campo Santo Stefano, quasi all’Accademia delle Belle Arti, dove ho conosciuto Venere: Venere non è il suo nome ma siccome è nata a Zante, dove le acque si fecondarono col suo primo sorriso… a proposito, conoscerai di sicuro mia cugina, Daniela Z…]

Cesare: “Eh, sicùro… Daniela… bełìssima tósa, càro mio, sàna e prosperósa, còlta e disinvòlta, sapiénte e intelligénte, élegante e finéta …” [Eh, sicuramente…  Daniela… bellissima ragazza, mio caro, sana e prosperosa, colta e disinvolta, sapiente e intelligente, elegante e raffinata…]

Alvise: “Na scoasséta, caro Cesere, gnanca da mètarla co Venere…”[Insignificante, caro Cesare, neanche da metterla con Venere (letteralmente: scoàssa: spazzatura, che si raccoglie con la scopa (scóa); scoasséta: piccola spazzatura)]

Cesare: “Me pàr che ti esàgeri…” [Mi sembra che tu stia esagerando]

Alvise: “Nooo… ànca ła Venere de Botticèlli, n’altra scoasséta…” [Nooo… anche la Venere del Botticelli, un’altra piccola spazzatura…]

Cesare: “Ti xe pròpio un rospàsso! xe cambià i cànoni dell’estètica femminìl! xe passà sinquessénto àni! và ‘vànti, và vànti, che xe mègio. Ansi, dìme ‘na ròba… ma ‘sta Venere, savévia chi che ti xe… o no…[Sei proprio un rospaccio! sono cambiati i canoni dell’estetica femminile! sono passati cinquecento anni! vai avanti, vai avanti, ché è meglio. Anzi, dimmi una cosa… ma questa Venere, sapeva chi sei… oppure no…]

Alvise: “Si… parché ghe gèra i domèstici, el magiordòmo, e co so ‘rivà, dàndoghe el bràsso, a me cugìna, vògio dìr, el magiordòmo el ga ‘nuncià: La contessina Daniela Z. e il signor conte Alvise Z.’” [Sì… perché c’erano i domestici, il maggiordomo, e quando sono arrivato, dandole il braccio, voglio dire a mia cugina, il maggiordomo ha annunciato: La contessina Daniela Z. e il signor conte Alvise Z.’]

Cesare: “Anca el magiordòmo… pròpio na càsa de sèsto…” [Anche il maggiordomo… proprio una casa distinta…]

Alvise: “I xe nòbiłi ànca lóri, i gà governà Zante, par cónto de Venèssia, par siessénto ani… a Zante i gà ‘ncóra càse, propietà, i và pàr fèrie, i pàssa l’istà… i so genitóri, de Venere, dìgo, par discressión, no i ghe gèra. Ghe sarà stà trénta invitàti… ghe gèra tùta ła servitù e crédo ànca ła vècia istitutrìce todésca de Venere ma no ła go vìsta. Insóma, entrémo… ti sa che su quéi moménti se fa un sàco de comèdie: te presénto quésta dàma, te presénto sto àltro… comùnque… comùnque… [Sono nobili anche loro, hanno governato l’isola di Zante, per conto di Venezia, per seicento anni… a Zante hanno ancora delle case, delle proprietà, ci vanno per ferie, vi passano l’estate… i suoi genitori, di Venere, intendo, per discrezione, non c’erano. Ci saranno stati trenta invitati… c’era tutta la servitù e credo anche la vecchia istitutrice tedesca di Venere ma non l’ho vista. Insomma, entriamo… sai che in quei momenti si fanno un sacco di cerimoniali: ti presento questa dama, ti presento quest’altro… comunque… comunque…]

E qui, Alvise non parla più. Gli viene un nodo in gola… dice al cameriere di portare un altro caffè… decido di prenderne uno anch’ io…

Alvise, dopo aver bevuto il terzo caffè: “Insóma, biónda, coi cavéi lónghi, snèła, perfèta, ‘na facéta da àngelo, do òci cełèsti scùri, quàsi blu… spléndidi, Cesere! co łe pajéte vérde,  ànca de òro, no me ricòrdo ben… dei dentìni come el màrmo del Canóva, un naséto perfèto… un póche de pàne da łe do pàrte del naséto… cóme łe tóse dàlmate… do manìne che… insóma, perfète, el rèsto… el rèsto… un òmo, de àltri particołàri fìsici, nól pàrla mai… e po’, el sorìso… el sorìso, ànca se’l finìva, nol finìva: el restàva su un cantonéto, o su st’àltro, de ła so bóca…” [Insomma, bionda, coi capelli lunghi, snella, perfetta, una faccina da angelo, due occhi celesti scuri, quasi blu… splendidi, Cesare! con le pagliuzze verdi, anche dorate… non mi ricordo bene… dei dentini come il marmo del Canova… un nasino perfetto… alcune lentiggini dalle parti del nasino… come le ragazze dalmate… due manine che… insomma, perfette… il resto… il resto… un uomo, di altri particolari fisici, non parla mai… e poi, il sorriso… il sorriso, anche se finiva, non finiva: rimaneva in un angolino, oppure nell’altro, della sua bocca…]

Cesare: “Benón… bénon: descrissión de ‘na dòna da sògno… va ‘vànti…” [Benone…benone: descrizione di una donna da sogno… vai avanti…]

Alvise: “Mi, cóme che ła védo, rèsto immagà, imatonìo, me sò sentìo ła bóca sùta… no me vignìva el fià… no savéva più da che pàrte vardàr… se vardàr i òci, se vardàr el rèsto… me parèva de èsser in paradiso… se gà incorto tùti che gèro cóme insemenìo, ànca éla… a me cugìna, a tùti,  che vignìva da rìder… łe me gàmbe łe se movéva, lóre sółe, vèrso de Venere… la gavèva capìo… ła me vardàva fisso fisso, col sorìso, e ła caminàva vèrso de mi… ła gèra decìsa, decìsa… Cesere! me sò incòrto su quel moménto! ła gèra stacàda un déo da tèra! me nòno el savéva tùto! me paréva… ma fórse me paréva a mi, che ła sentìsse déntro quéło che sentìvo mi… co se gavémo trovà a diése schèi de distànsa, no gavarìa mài credésto, sa… ma invésse de fermàrse, sémo ndài vànti… tùti do e… eme ła so trovàda ‘dòsso, tacàda, che ła me metéva i bràssi al còło e mi… mi che ghe metévo łe màn sui fiànchi… gnànca ‘na paròła… fin a quel moménto, tùto sénsa gnànca na paròła… nissuni ridéva più… i gèra tùti a bóca vèrta… xe stà ‘na roba… mai vista… tùti i gèra comòssi… xe stà bełìssimo… un paradìso…[Io, come la vedo, resto ammaliato, stupefatto… mi son sentito  la bocca asciutta, non mi veniva il fiato… non sapevo più da che parte guardare… se guardare gli occhi… se guardare il resto… mi pareva di essere in paradiso… si sono accorti tutti che ero come rimbecillito, anche lei… a mia cugina, a tutti, veniva da ridere… le mie gambe si muovevano, da sole, verso Venere… aveva capito… mi guardava fisso fisso, col sorriso e camminava verso di me… era decisa, decisa… Cesare! mi sono accorto in quell’ istante! era staccata un dito da terra! mio nonno sapeva tutto! mi pareva… ma forse pareva a me, che sentisse dentro quello che sentivo io… quando ci siamo trovati a dieci centimetri di distanza, non lo avrei mai creduto, sai… ma invece di fermarci, abbiamo proseguito… entrambi… e… e… me la sono trovata addosso, attaccata, che mi metteva le braccia al collo ed io… io che le mettevo le mani sui fianchi… nemmeno una parola… fino a quel momento, tutto senza neanche una parola… nessuno rideva più… erano tutti con la bocca aperta… è stata una cosa… mai vista… tutti erano commossi… è stato bellissimo… un paradiso…]

Cesare, commosso dalla meravigliosa, sentitissima descrizione, si asciuga una lacrima e Alvise se ne rende conto.

[prosegue]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...