Pensieri 11 [731]

Braudel
L’immagine è un omaggio a Fernand Braudel (Francia, 1902 – Francia, 1985). Storico francese, è stato probabilmente il miglior storico in assoluto. Cattedratico, una cultura sconfinata, vede lo stesso episodio, ad esempio il 1492, in una prospettiva di breve termine, poi in una prospettiva di lungo termine e infine analizzando tutto quello che stava succedendo al mondo in quel momento. Ogni sua opera è un capolavoro. Vedere la bibliografia.

Revisione del 22 maggio 2020 – Per problemi di lingua, non più corrente, ci troviamo nella condizione di modificare alcuni testi, se non nello spirito, nelle lettere. Ove possibile, i testi si lasciano invariati.

Angelo Gatti (Capua 1875 – Milano, 1948)

Accademico d’Italia. Intraprende la carriera militare.

Capo di Stato Maggiore nella Prima Guerra Mondiale, viene chiamato a segretario particolare del generale Cadorna. Dopo la Prima Guerra Mondiale lascia l’esercito. Poeta, narratore, moralista, aforista, storico, giornalista, è un autore del massimo prestigio.

L’amore dura fino a quando un amante ha, in qualunque modo, una supremazia sull’ altro.

La creduta uguaglianza in amore non è che un succedersi d’imposizioni e soggezioni reciproche. L’uguaglianza non esiste che nell’ indifferenza.

Dionisia, abbandonata dall’ amante, si duole di aver sprecato nel suo inutile amore i dieci anni più belli della vita: ne aveva quindici quando ha cominciato ad amare, ne ha venticinque ora che è sola e nei dieci anni l’universo s’è compendiato per lei nell’ uomo che l’ha tradita. Tu la compiangi? ti risponde che quei giorni sono stati meravigliosi e che patirebbe tutti i tormenti per riviverli.

Viola, che ama ancora il marito per abitudine e riconoscenza, è stata travolta dalla passione per Leandro, al quale non ha ancora ceduto. Un giorno che egli la supplica più ardentemente del solito e ad un tratto la bacia, Viola, perduta, gli ricambia il bacio, poi disperatamente singhiozza. Commosso dal dolore, impietosito dalla segreta lotta, meno innamorato di lei, Leandro dice: “Sento il male che ti faccio: non voglio che tu pianga più”. Viola gli vorrebbe rispondere: “Non ti curare se soffro o no; il dolore riguarda me, tu pensa a volermi bene”.

Soltanto un innamorato sa, fra cento persone, il vero soggetto del discorso che sta pronunciando la persona amata.

L’uomo non deve mai spiegare alla donna, per nessun motivo, per nessuna preghiera o lusinga, né in che modo la immagini e la giudichi, né come e quanto l’ami. La definizione più generosa e il paragone più esaltato offendono, o almeno rattristano, la donna innamorata, la quale non vuole somigliare che a sé stessa.

Una donna può essere fiera quanto vuole della sua intelligenza e del suo buon cuore ma nessuna umiliazione uguaglia, per lei, quella di essere amata soltanto per la sua intelligenza e per il suo buon cuore.

Solamente quando è abbandonata, una donna brutta scopre d’esser brutta.

L’amante ti farà piangere dal giorno in cui sarai entrato in confidenza.

Molte volte l’amante più fervido, rivelando all’altro la sua insaziabile passione, gli mostra con quali catene voglia avvincerlo e lo stimola a fuggire.

Gl’ indulgenti, coloro che capiscono tutto, sono amanti mediocri, perché ammettono fin dal principio gli accomodamenti e i perdoni.

Dal momento in cui l’amore si affievolisce, è finito. Non ci sono amori rimediati.

Un uomo dice di una donna: “L’ho amata molto”. Una donna dice di un uomo: “Gli ho dato la mia vita”.

Dimmi che tipo di donna ti piace e ti dirò chi sei.

Pochi sono amati soltanto perché sono specchi di virtù.

Se si pensasse alla brevità della vita, bisognerebbe essere sempre buoni con chi si ama, non rimandare mai al domani la consolazione che gli si può dare. Forse, il domani non verrà.

 

♠♠

 

Ugo Ojetti (Roma 1871- Firenze 1946)

Famoso e potente giornalista. Pochi uomini di cultura sono stati odiati come Ugo Ojetti. Per non essersi adeguato alla vigente cultura fascista, subì parecchie persecuzioni. Dedicò molto tempo all’ attività di cronista, letterario e mondano. Era sempre presente nei salotti buoni: col Duca d’Aosta, col generale Cadorna, con Benedetto Croce, Arturo Toscanini, Giovanni Treccani, Italo Balbo. Con Pirandello, Montale, Palazzeschi, d’Annunzio. Critico d’arte, accompagna i membri della Casa Reale alle mostre fiorentine di pittura italiana. Crea riviste d’arte.

 

Soltanto chi non ha più curiosità d’imparare è vecchio: s’è tirato il lenzuolo sul volto, è come morto.

Al piacere, puoi dire basta. Al dolore, non puoi.

Il dialogo tra conscio e inconscio facilmente diventa un alterco e allora finisce sempre per aver ragione chi grida più forte e più a lungo: l’inconscio.

A paragone del presente, il passato sembra bello,  perché gli imbecilli defunti nessuno li ricorda.

Chiamano col nome di ‘Dio’ tutto ciò che non riescono spiegare. Dio sarebbe quindi la somma delle loro ignoranze?

Riconosciamo come intelligenti solo quelli che la pensano come noi.

Come si fa a capire se uno è intelligente? se dubita di sé stesso.

Un proverbio cinese dice che la medicina guarisce chi non è destinato a morire.

Vuoi offendere definitivamente un avversario? lodalo a gran voce per le qualità che gli mancano.

Lo scopo del buon oratore è di condurre i suoi ascoltatori ad avere un buon motivo per applaudire contemporaneamente l’oratore e sé sessi.

Essere un mediocre non è causa di pena. La pena è accorgersene. Ma se uno si accorge di essere mediocre, non lo è più. Il mediocre, quindi, per essere tale, non può accorgersi di esserlo.

La vita è donna: ti vuole bene finché credi in lei.

Sii modesto soltanto se hai molte e note ragioni per essere superbo.

C’è, per tutti, una persona che, qualunque cosa accada, non t’abbandonerà mai e perciò è meritevole di cura e di riguardo: quella persona sei tu stesso.

Quando sbagli, confessa sempre il tuo sbaglio ma lascia una ragionevole distanza tra una confessione e l’altra.

Vecchio è chi ormai non riesce a pensare che a sé stesso.

Forse l’esperienza giova a questo oppure a quell’ uomo. All’ umanità non giova a niente.

Le piccole bugie giovano all’ amicizia. Le crude verità, serbale per i nemici.

Come accorgersi che una persona sia classica? Perché preferisce un’aiuola ad un campo, un parco ad una foresta e una statua di Michelangelo a tutte le montagne apuane.

Sii serio quando obbedisci. Sii sorridente quando comandi.

Il sì va detto subito. Se hai da dire no, pensa che vi sono mille modi per lasciarlo intendere senza dirlo: intanto, magari, taci.

Se ti troverai nella sfortuna, vedrai gli amici dividersi in due schiere: da una parte, i pochi che saranno realmente in pena per te: questa loro pena aumenterà l’afflizione tua. Dall’ altra parte, i molti, infastiditi di ritrovarsi, pubblicamente, come amici di uno sfortunato. Questi ultimi sono utili, perché ti ridaranno forza. Ma il meglio è non confidare ad alcuno i propri dolori.

Nessuno dirà tanto male di te quanto la donna che hai lasciato.

Oggi la gente è ignorante perché ha fretta. Con la fretta, non saranno colti ma crederanno di essere moderni.

Se una donna sa di essere tradita, puoi essere sicuro, per ventiquattro ore, che non ti tradirà.

Alla donna che si sta allontanando da te, se vuoi che essa ritorni, non chiederle di rimanere.

Alla tua amante, perdona il primo inganno. All’ amico, nemmeno quello.

Per godere di un paesaggio, immaginati di vederlo per l’ultima volta. Davanti ad una donna, invece, immàginati sempre che sia la prima volta.

Una donna disonesta di cui tu ignori le colpe assomiglia molto ad una donna onesta.

Quando la donna, che t’ama, ti loda, non t’ insuperbire: sta lodando sé stessa.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...