Diego, il maggiordomo 4 [747]

Un simpatico maggiordomo che non conosce bene la lingua spagnola.

Revisione del 27 agosto 2020 – Per sapere chi è Diego D, leggetevi il raccontino precedente, cliccando qui.

Siamo nuovamente a Venezia, sulla Riva degli Schiavoni, in un tavolino della gelateria Lazzarini, e Diego si è ritrovato col suo amico d’infanzia, G.

G: “Dìme łe ùltime da Siviglia…” [Dimmi le ultime notizie da Siviglia.]

D: “Te dìgo in bòto che go ciapà ‘n’àntra papìna…[Ti dico, alle svelte, che ho preso un’altra sberla…]

G: “Ti sarà ‘ncà stùfo… scométo che ghe xe de mèxo ‘ncóra ła Francesca…” [Sarai stanco… scommetto che c’è di mezzo ancora Francesca]

D: “Gèrimo in sała da prànso, nuiàltri do e bàsta e mi gavéva fàto una tórta coi pèrseghi, ‘na róba… bóna, sa… ma bóna… ła Francesca ła gèra drìo sbranàrse ła quàrta fetàssa e mi, schersàndo, ghe gò dito: ‘Va bén che ti ga ‘na lìnea perfèta ma quàtro féte… łe xe sémpre quàtro féte…’; ła me vàrda che ła me mànda in svarìgoła pégoła e ła me dixe: ‘Ti dovaréssi sposàrme…’ e mi, mi ghe go dìto: ‘Amor mìo…’ e ‘lóra gò sercà de dàrghe un bàso…” [Eravamo in sala da pranzo, noi due e basta ed io avevo fatto una torta con le pesche, una cosa, buona, sai… ma buona… Francesca si stava sbranando la quarta fettona ed io, scherzando, le ho detto: ‘Va bene che hai una linea perfetta ma quattro fette… sono sempre quattro fette…’; mi guarda che mi manda in sollucchero [letteralmente: mi fa sentire come la pece che si squaglia] e mi dice: ‘Dovresti sposarmi…’ ed io, allora, le ho detto: ‘Amor mio,,,’ ed ho cercato di darle un bacio…]

G: “Scométo che xe sta su ‘sto moménto che ti ga ciapà ła papìna…” [Scommetto che è stato in questo momento che hai preso la sberla…]

D: “Cóme fàstu a indivinàrla sémpre…[Come fai ad indovinarla sempre…]

G: “So vécio… te dìgo quéło che pól ‘vèr dìto ła tósa… ła gavarà dìto: Deberias esposarme. Ti, ti gà capìo: ti dovaressi sposarme. Ma, da séno, ła ga dìto: ti dovarèssi mètarme łe manéte (se ti vól che no màgna più ła tórta)…” [Sono vecchio… ti dico quello che può aver detto la ragazza… avrà detto: Deberias esposarme. Tu, hai capito: dovresti sposarmi. Ma, in realtà, ha detto: per evitare che io mangi ancora la torta, dovresti mettermi le manette.]

D: “Pròpio cussì, bràvo… mi speràva che…” [Proprio così, bravo… io speravo che…]

G: “Ti speràvi e dòpo ti disperàvi… xe la vìta…” [Speravi e poi ti disperavi… è la vita…]

D: “E cussì, el spagnòło el sarìa fàssiłe… ma mi, mi ciàpo sémpre papìne…” [E così, lo spagnolo sarebbe facile… ma io, io prendo sempre sberle…]

G: “Par ricordàrte, te scrìvo un foliéto…[Perché tu ti ricordi,  ti scrivo un foglietto]

       Foglietto di G.

Spagnolo Italiano
Esposar Mettere le manette
Casar Sposare, accasare

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...