Fibonacci 2 [749]

Fibonacci2
Una delle tante applicazioni della serie di Fibonacci. Sono una serie di rettangoli che seguono i numeri di Fibonacci e determinano le proporzioni del volto.

Revisione del 15 settembre 2020Recentemente, chi scrive è stato sottoposto ad una complessa prova sotto sforzo dal cardiologo dottor Cibin dell’ Ospedale di Motta di Livenza (Tv). Il dottor Cibin era assistito da una persona, con nome di battesimo B.

Mentre procedevano i controlli, chi scrive preannunciava a voce alta il risultato imminente delle varie prove alle quali veniva sottoposto. I presenti erano un poco stupiti della precisione di tali preannunci. Dopo un paio di giorni, B. mi disse di mettere per iscritto il metodo da me seguito ed a suo tempo evidenziato durante la prova sotto sforzo. Questa è la ragione dello scritto. Chi scrive non pensava minimamente che tale metodo fosse una novità. Speriamo quindi che il tutto possa essere utile.

Facciamo seguito a Fibonacci 1 , il quale informa circa la serie di Fibonacci. Diamo per scontato che abbiate letto tale blog precedente. La serie di Fibonacci si applica alla vita (biometria) ed alle sue manifestazioni. Quello che scriveremo è stato provato e riprovato per una ventina d’anni e non ci siamo mai trovati delusi dall’ applicazione di questo metodo. Si tratterebbe, sembra, di argomentazioni alquanto nuove. Le presentiamo non da un punto di vista medico ma da un punto di vista matematico-statistico.

Febbre.

Supponiamo che una persona, quando sta bene, abbia 36 gradi (Celsius) di temperatura.

Febbre1

Decorso favorevole.

Supponiamo ora che tale persona abbia un attacco di febbre e che il massimo sia la temperatura di 40° C. La nostra ipotesi è che, prima di essere completamente sfebbrato, il paziente in via di guarigione dovrebbe veder scendere la temperatura sino a 37.5°. A questo livello, la temperatura dovrebbe obbligatoriamente fermarsi per un certo periodo. Se questo dovesse accadere, dopo una pausa, dovrebbe continuare a scendere sino a 36° C.

Febbre2
Riacutizzarsi della malattia.

 

Se la sosta a 37.5° non avviene, probabilmente, dopo essere scesa, magari sino a 36.5°, dovrebbe risalire e il decorso sarebbe complicato, anche con un nuovo massimo oltre i 40° C.

La formula da noi ideata è:

Massimo del fenomeno – (Massimo del fenomeno – minimo normale) * 0.618.

Nel nostro caso 40° – (40°- 36°) * 0.618 = 37.5°

 

Un esempio con un attacco glicemico:

Condizione base: 90

Massimo patologico conseguito:  200

Il calcolo, mutatis mutandis, è:    200 – (200 – 90) * 0.618 = 132

La glicemia deve, nella fase di discesa (remissione), fermarsi per un periodo ragionevole a 132. Se non si ferma, risalirà, magari verso un nuovo massimo.

Anche per i nuovi massimi abbiamo scoperto delle formule. Chi fosse ulteriormente interessato, può inviarci una email con un caso concreto.

Per la pressione arteriosa valgono gli stessi ragionamenti.

Quanto esposto sembra valere per ogni decorso biometricamente quantificabile.

Con una certa conoscenza matematica, si può seguire l’evolversi di una fase, utilizzando (magari a posteriori per impratichirsi) anche i seguenti moltiplicatori.

0.618 remissione primaria del sintomo. Si possono anche applicare:

0.6182 = 0.382

0.6183 = 0.236

 

1.618 nuovo massimo del sintomo. Si possono anche applicare:

1 + 0.6182 = 1.382

1 + 0.6183 = 1.236

 

Se il fenomeno ha una scala particolarmente ampia si può usare il numero 0.618 + 1.618 = 2.236 = radice quadrata di 5.

Con un fenomeno particolarmente ampio che parta da zero, in via di formazione, ai tempi 0, 1, 2, 3, e 4 di possono usare i logaritmi naturali (in base e) della serie. Lo sviluppo atteso dovrebbe essere:

 

 

Tempo

Valore

Logaritmo di

0

0

1

1

0.21188

1.236

2

0.323532

1.382

3

0.481191

1.618

4

0.804689

2.236

 

Se il decorso si adatta meglio a questi ultimi valori piuttosto che a quelli esposti più sopra, siamo in presenza di un decorso esplosivo.

L’eventuale remissione al di sotto dei valori di partenza dovrebbe presentare:

Tempo

Valore

Logaritmo di

0

0

1

-1

-0.48127

0.618

-2

-0.96233

0.382

-3

-1.44392

0.236

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...