Archivi categoria: 6+

Dove stiamo andando? [669]

Antropologia(Edizione rivista integralmente  il 15/03/2019). Non a caso, questo articolo è stato rubricato sotto la categoria Antropologia e non sotto Politica oppure Economia o quant’altro. Sembra infatti che gli studiosi di economia e i politici NON vogliano tener conto della profonda struttura umana, che s’inizia due milioni di anni fa (in realtà forse più di tre milioni di anni). Continua a leggere Dove stiamo andando? [669]

Pensieri 5 [657]

nietzsche
L’immagine è un omaggio a Friedrich Wilhelm Nietzsche (Germania, 1844 – 1900), filosofo, poeta, saggista, compositore e filologo tedesco. Considerato tra i massimi filosofi e scrittori di sempre.

Per problemi di lingua, non più corrente, ci troviamo nella condizione di modificare alcuni testi, se non nello spirito, nelle lettere. Ove possibile, i testi si lasciano invariati.

Continua a leggere Pensieri 5 [657]

Nuova Società 1 [649]

BandieraStato
La bandiera della Nuova Società è di pura fantasia: quello che conta, come vedremo in seguito, è il riquadro blu in basso a destra, riquadro che in questo caso, in un lato di un triangolo rettangolo, simboleggia l’importanza di 5 punti fondamentali, di cui parleremo.

Questo argomento sarà considerato affascinante da chi ancora non lo conosce. Adriano Olivetti volle sperimentare i principî che esporremo nella sua fabbrica. Una vera rivoluzione, che naturalmente fu messa in cantina dai politici del momento.

Continua a leggere Nuova Società 1 [649]

Luigi Scarpa [355]

LuigiScarpaRevisione 25 mar 2019 – Luigi Scarpa non aveva studiato. Tutto quello che sapeva, lo aveva imparato per tradizione orale (trasmissione mediante la voce) dagli altri veneziani, più anziani di lui.      Continua a leggere Luigi Scarpa [355]

Cannaregio [334]

Muro
Uno dei muri del racconto con la pavimentazione in pietra d’Istria.

Revisione 16 mar 2019 Una stretta calle di Cannaregio, a Venezia, vuota, tra due muri di mattoni e per terra la pietra d’Istria, a grandi rettangoli, comune in tutta la città. Una delle pareti di mattoni alta sette metri circa, è la recinzione di un convento e non ha alcuna apertura: è un muro desolatamente vuoto in tutta la sua lunghezza, di circa trecento metri.

Continua a leggere Cannaregio [334]

Usanze a Venezia 12 [330]

usanze12
Venezia – 28 dicembre 1980 – Riva degli Schiavoni – Il Luna Park di ogni Natale – Un trenino del Far West – Ernesto Giorgi ©

Revisione 23 gen 2019 – La prima festa grande di dicembre, a Venezia, è la festa di San Nicola di Bari, che cade il sesto giorno del mese. In città si dice San Nicołò ed è l’unico giorno, secondo la tradizione, che prevede, nella notte tra il quinto e il sesto giorno, i regali per i bambini. Continua a leggere Usanze a Venezia 12 [330]

Usanze a Venezia 11 bis [323]

Salute.Jpg

La punta della Dogana coi Magazzini del Sale e la chiesa barocca di Santa Maria della Salute, di Baldassarre Longhena, inaugurata nel 1687 – Foto del 1961 – Foto ed elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©

Revisione 20 gen 2019 – La festa del 21 novembre: la Madonna della Salute. Nelle usanze di Venezia, un cenno speciale spetta alla festa della Salute, la festa più importante dopo San Marco.       Continua a leggere Usanze a Venezia 11 bis [323]

Passaporto [322]

passaportoRevisione 20 gen 2019 – Parleremo di due architetti, entrambi classe 1910, entrambi veneziani, entrambi laureati a Venezia ed entrambi commilitoni in Africa, ad El Alamein. Continua a leggere Passaporto [322]

Idea X [318]

patiboloRevisione 12 gen 2019 – La SSL è da me inventata per scrivere questa storia ma l’invenzione è solo nel nome: a Venezia, a partire dalla Serrata del Maggior Consiglio (1297) in cui di fatto si addivenne ad una dittatura oligarchica, innumerevoli sono state le società segrete che si proponevano l’abbattimento della Signoria Oligarchica: forse il più noto è il caso di Marin Falier, 55° doge, unico doge ad essere giustiziato per alto tradimento ma questi casi si contarono a decine e decine, vere o non vere che fossero le accuse. Continua a leggere Idea X [318]

Giudicare [313]

bilanciaRevisione 12 gen 2019 – Due che si conoscevano (ma non troppo) si trovano in un’enoteca e parlano del più e del meno. Poi, si alzano dal tavolo, pagano ed escono assieme, camminando lungo un viale alberato. Uno dei due è un personaggio che chiameremo Riservato, R… e l’altro lo chiameremo Chiacchierone, C… Continua a leggere Giudicare [313]

Barattoli [312]

BormioliRevisione 12 gen 2019 – Sulle Grave di Papadopoli, lungo il Piave, si può trovare ogni tanto uno strano pescatore, un certo Pietro Buratin, ingegnere idraulico laureato a Padova, il quale mette nelle acque del fiume, legata ad una lenza, una piccola retina contenente uno specchietto e… aspetta. Accanto a sé, d’in su la riva, per dirla col poeta, ci sono una cinquantina di barattoli in vetro, alcuni aperti ed altri ermeticamente chiusi. Continua a leggere Barattoli [312]

Bivio [311]

bivioRevisione 12 gen 2019 – In questo brano, scritto secondo il più classico divertissement (termine francese, ‘divertimento’ non è una traduzione molto buona, forse meglio ‘finzione letteraria di svago’), le verità storiche sono alterate ma non tutte. A chi legge spetta (se lo desidera) il compito di sorridere, distinguendo ciò che è stato vero da ciò che è soltanto verosimile. Continua a leggere Bivio [311]

Cielo privato [310]

Stelle e la scopa di saggina del nostro amico Operatore Ecologico.
Stelle e la scopa di vimini del nostro amico Operatore Ecologico.

Revisione 12 gen 2019 – Personaggi: IO: me stesso, che sto scrivendo; OE: un Operatore Ecologico di Pordenone. Continua a leggere Cielo privato [310]

Signorilità [308]

Venezia – 1961 – Piazzetta dei Leoncini col negozio di Venini. La piazzetta fa parte della Piazza San Marco, dove di apre il Patriarcato - Ernesto Giorgi ©
Venezia – 1961 – Piazzetta dei Leoncini col negozio di Venini. La piazzetta fa parte della Piazza San Marco, dove di apre il Patriarcato – Ernesto Giorgi ©

Revisione 12 gen 2019 – Si chiamava Gervaso. Trattava affabilmente e cortesemente gli altri e aveva dei gusti sicuri. Quando possedeva un oggetto, l’oggetto stesso brillava in modo diverso e gli altri desideravano averne uno uguale, perché era immediatamente considerato un oggetto di sicuro buon gusto. Nessuno lo avrebbe sospettato (e nemmeno ne siamo certi) ma sotto sotto non prendeva i suoi simili troppo sul serio. E non prendeva troppo sul serio nemmeno sé stesso. Continua a leggere Signorilità [308]

Coriandoli 3 [286]

Carnevale di Venezia – Fotomontaggio di maschera bizantina con coriandoli - 1981 – Ernesto Giorgi ©
Carnevale di Venezia – Fotomontaggio di una maschera bizantina con coriandoli – 1981 – Ernesto Giorgi ©

Revisione 11 gen 2019 – Proseguiamo con proverbi, detti, riflessioni, citazioni ed altri aforismi. Amor, gràndo vincitór.[Omnia vincit amor (Virgilio, Ecloghe, X, 69)]. Continua a leggere Coriandoli 3 [286]

Usanze a Venezia 11 [285]

Venezia – novembre 1986 – Piazza San Marco – I piccioni assalgono un ragazzino che vuole offrire loro dei chicchi di mais - Ernesto Giorgi ©
Venezia – novembre 1986 – Piazza San Marco – I piccioni assalgono un ragazzino che vuole offrire loro dei chicchi di mais – Ernesto Giorgi ©

Revisione 11 gen 2019 – Non parleremo della notte tra il 31 ottobre e il primo novembre, con la ricorrenza di Halloween: è troppo recente per considerarla veneziana. S’inizia quindi con Ognissanti e con la celebrazione dei defunti. Continua a leggere Usanze a Venezia 11 [285]

Usanze a Venezia 10 [282]

Voigtlander Vito Bl Ob.Color Scopar f/2.8 50mm. Venezia – Ottobre 1961 – Sant’Antonino (Bragora, Castello) – Preparazione delle castagne per la vendita -Ernesto Giorgi ©
Voigtländer Vito Bl Ob.Color Scopar f/2.8 50mm. Venezia – Ottobre 1961 – Sant’Antonino (Bragora, Castello) – Preparazione delle castagne per la vendita -Ernesto Giorgi ©

Revisione 11 gen 2019 – Nella fotografia riservata©, scattata nel mese ottobre del 1961 in Sałizàda Sant’Antonìn [Salizzada Sant’Antonino], nella Parrocchia di San Giovanni in Bragora e nel Sestiere di Castello, si vede una coppia di distintissimi signori che stanno mondando le castagne di stagione, preparandole per l’imminente vendita. Continua a leggere Usanze a Venezia 10 [282]

Bèła Màssa Sète [280]

nodoRevisione 11 gen 2019 – In ogni regione del mondo ci sono degli sciogli lingua, come se la stessa fosse annodata.  Tali giochi di parole sono a cavallo tra lo scherzo e un metodo per istruire i giovani. Continua a leggere Bèła Màssa Sète [280]