Archivi categoria: 8

Storia d’amore: commiato [716]

morosiGIALLO[segue dal numero 715]

Revisione del 24 aprile 2020 – Prima di salutarmi, Maria K. Mi disse che era opportuno fare chiarezza sull’ episodio, dell’iniezione del sonnifero, perché poteva sembrare che la principessa madre avesse voluto far prendere a Venere una dose supplementare di sonnifero.

Continua a leggere Storia d’amore: commiato [716]

Storia d’amore: purgatorio [715]

morosiverde[segue dal numero 714]

Revisione del 24 aprile 2020.

Siamo nel 1991. Nei suoi uffici di Oderzo, EG è procuratore di due agenti di cambio e si occupa, per conto di vari clienti internazionali, di previsioni sui mercati finanziari.

Continua a leggere Storia d’amore: purgatorio [715]

Storia d’amore: inferno [714]

morosirosso[segue dal numero 713]

Revisione del 24 aprile 2020

Nuovi personaggi:

  • Maria K. – Nata a Zante, di famiglia serbo-croata, era infermiera diplomata al servizio dei prìncipi così come sua madre e sua nonna, tutte infermiere. Parlava, oltre al serbo-croato, l’istriano e il veneziano. Non sapeva l’italiano. Bravissima persona, era legata a tutta la famiglia. Aveva 15 anni più di Venere e quindi nel 1962, ne aveva trentatré.

Continua a leggere Storia d’amore: inferno [714]

Storia d’amore: Empireo [713]

morosirosa[segue dal numero 712]

Revisione del 24 aprile 2020  – Cesare: “Veraménte, Alvise, te invìdio. Quésta xe de sicùro ła più bèła stòria de amór che gàbia mài sentìo… un sògno… magàri me fùsse tocà ‘nca mi, un sògno cussì… cussì… su ‘na vìta, el podarìa bastàr… ma va ‘vànti…” [Veramente, Alvise, ti invidio. Questa è sicuramente la più bella storia d’amore che io abbia mai sentito… un sogno… magari fosse capitato anche a me, un sogno così… così… in una vita, potrebbe essere sufficiente… ma vai avanti…]

Continua a leggere Storia d’amore: Empireo [713]

Storia d’amore: Paradiso [712]

morosicelesteRevisione del 24 aprile 2020 – Da molto tempo dovevo pubblicare questa storia ma rinviavo sempre, perché non sapevo come raccontarla: Ho deciso di farlo, pubblicando esattamente un documento scritto a mano, che a suo tempo mi era stato affidato dal mio amico Cesare F., sistemando solamente alcuni piccoli particolari, per rendere lo stesso scritto comprensibile anche a chi non è veneziano.

 

Continua a leggere Storia d’amore: Paradiso [712]

Le stagioni [700]

AsseTerra0
Perché esistono le stagioni. Grafica di Ernesto Giorgi. ©

Revisione del 23 aprile 2020 – Bisogna dire che, molte volte, la colpa di una certa involuzione culturale  è anche delle materie scientifiche, che sono illustrate in modo non troppo chiaro.

Continua a leggere Le stagioni [700]

Il Quinto Eone: il Futuro [698]

Eoni2Revisione del 23 aprile 2020 – Ad Antò rimangono ancora da fare, circa, un milione di viaggi nel tempo da Betlemme ad oggi, di duemila anni ciascuno. Poi, la Terra finirà. Come? Ora lo vedremo.

Continua a leggere Il Quinto Eone: il Futuro [698]

I quattro Eoni [695]

Eoni
I quattro Eoni che coprono l’esistenza della Terra.

Dal greco aión –ónos [Pronunciare  eón], che significa età, evo. In geologia, la più estesa unità cronologica in cui è stata divisa l’età della Terra; si suddivide in ere, queste in periodi, questi in epoche a loro volta divise in età. (Devoto – Oli).

Continua a leggere I quattro Eoni [695]

Luca Cavalli Sforza 2 [625]

Migranti
Migranti: i grandi sbarchi di albanesi in Italia, negli anni ’90.

Revisione del 19 aprile 2020 – Luca Cavalli Sforza, sempre nel libro ‘La scienza della felicità’ (vedi bibliografia) parla, come genetista, esperto di demografia, della popolazione mondiale e del fenomeno dei migranti, che in realtà sono strettamente connessi.

Continua a leggere Luca Cavalli Sforza 2 [625]

Luca Cavalli Sforza 1 [623]

LCS
Luca Cavalli Sforza (1922 – 2018)

Revisione del 19 aprile 2020 – Il 31 agosto 2018, è venuto a mancare Luca Cavalli Sforza, genetista italiano che insegnava a Stanford, in California, la seconda università al mondo per prestigio. Tra le altre questioni, da lui poste e risolte, ne citeremo una sola: se i gruppi sanguigni hanno un significato (come lo hanno, in effetti), tali gruppi sanguigni umani dovrebbero avere una distribuzione, sulla superficie del pianeta, analoga a quella dei dialetti e delle lingue.

Continua a leggere Luca Cavalli Sforza 1 [623]

Meditazioni 7 [521]

vallaresso1957
Venezia, 1957 – Una immagine del Bar Ridotto, vicino all’omonimo teatro, in Calle Vallaresso, calle a sua volta vicinissima alla Piazza San Marco – Ernesto Giorgi ©

Revisione del 25 marzo 2020 – [Il precedente era ovviamente Meditazioni 6.]  Dato che siamo in argomento di meditazioni, dovremmo meditare a lungo sull’ attuale situazione italiana. Chi scrive, ha cercato di fare la sua parte e, senza aver la pretesa di insegnare qualcosa a qualcuno, esporrà qui delle riflessioni. D’altronde, un sito come Il Piave è un luogo dove il lettore cerca di avere qualche momento di rilassamento e quindi il riflettere e il meditare possono pur far parte delle attese di chi legge.  Altrimenti, potrebbe fare a meno benissimo di leggere queste righe.

Continua a leggere Meditazioni 7 [521]

Le vere Cicala e Formica [516]

CicalaFormica
La Cicala a sinistra e la Formica (Sofia Vergara) a destra.

Revisione del 25 marzo 2020 – Vi racconto prima la storia della Cicala e della Formica, così come l’ha raccontata Jean de La Fontaine. Benché la struttura del testo sia la stessa, l’ho completamente rivista, per renderla più moderna e meno ‘francesizzante’ come poesiola.

Continua a leggere Le vere Cicala e Formica [516]

Racconti 4 [466]

Morism
Venezia – I Mori e la Basilica di San Marco – 1961 – Ernesto Giorgi ©

Revisione del 13 marzo 2020 – Un amore infinito. Quarta puntata. Il patriarca si mise in viaggio e, uscito dalla zona di Ferrara (ultima propaggine, verso sud, della Serenissima), dopo un giorno di viaggio entrò con la sua scorta e con i suoi carriaggi in territorio pontificio.     Continua a leggere Racconti 4 [466]

Racconti 3 [465]

excelsior1
Hotel Excelsior – Lido di Venezia – 1964 – Ernesto Giorgi ©

Revisione del 13 marzo 2020 – Un amore infinito.  Terza puntata.

Entro breve, i baci e le carezze presero il posto delle lezioni di latino e di greco.    Continua a leggere Racconti 3 [465]

Racconti 2 [464]

cigno1
Cigno – 1981 – Ernesto Giorgi ©

Revisione del 13 marzo 2020 – Un amore infinito.  Seconda puntata.

Mentre Enrico C. era il miglior docente in circolazione, il suo amico per la pelle, Alvise G., aveva preso gli ordini sacri domenicani ed era parroco nella grande chiesa domenicana monumentale di (omissis) a Venezia, la cui parrocchia era dotata anche di un convento.    Continua a leggere Racconti 2 [464]

Racconti 1 [463]

Madera
Isola di Madera – Luogo fantastico – 1976 – Ernesto Giorgi ©

Revisione del  03 maggio 2020 – Mentre tutte le categorie de Il Piave descrivono fatti veri e realmente accaduti, la categoria ‘Storie d’amore’ descrive cose che non sono successe. Continua a leggere Racconti 1 [463]

Cannaregio [334]

Muro
Uno dei muri del racconto con la pavimentazione in pietra d’Istria.

Revisione 16 mar 2019 Una stretta calle di Cannaregio, a Venezia, vuota, tra due muri di mattoni e per terra la pietra d’Istria, a grandi rettangoli, comune in tutta la città. Una delle pareti di mattoni, alta sette metri circa, è la recinzione di un convento e non ha alcuna apertura: è un muro desolatamente uguale, vuoto in tutta la sua lunghezza, di circa trecento metri.

Continua a leggere Cannaregio [334]

Signorilità [308]

Venezia – 1961 – Piazzetta dei Leoncini col negozio di Venini. La piazzetta fa parte della Piazza San Marco, dove di apre il Patriarcato - Ernesto Giorgi ©
Venezia – 1961 – Piazzetta dei Leoncini col negozio di Venini. La piazzetta fa parte della Piazza San Marco, dove di apre il Patriarcato – Ernesto Giorgi ©

Revisione 12 gen 2019 – Si chiamava Gervaso. Trattava affabilmente e cortesemente gli altri e aveva dei gusti sicuri. Quando possedeva un oggetto, l’oggetto stesso brillava in modo diverso e gli altri desideravano averne uno uguale, perché era immediatamente considerato un oggetto di sicuro buon gusto. Nessuno lo avrebbe sospettato (e nemmeno ne siamo certi) ma sotto sotto non prendeva i suoi simili troppo sul serio. E non prendeva troppo sul serio nemmeno sé stesso. Continua a leggere Signorilità [308]

Una storia al Danieli [195]

DanieliInternoRevisione 8 dic 2018 – UNA DELLE MERAVIGLIOSE STORIE D’AMORE DE IL PIAVE…

Dante Barozzi, di nobile lignaggio veneziano (casa vècia) [casa vecchia: una delle casate originarie di prima della Serrata del Gran Consiglio, nel 1297], aveva frequentato con grande successo l’Accademia di Belle Arti di Venezia e ne era uscito col massimo dei voti. Continua a leggere Una storia al Danieli [195]

Filò 4 [163]

carro

Revisione del 27 aprile 2020 – Le strade infernali.   

Nei filò, che di solito si tenevano nelle notti di autunno o d’inverno, forse per la luce fioca o forse per la temperatura fredda, il racconto verteva spesso su temi misteriosi, per non dire lugubri. Continua a leggere Filò 4 [163]