Archivi tag: cappellano

Pulpito [115]

Pulpito

Revisione 21 nov 2018 – Nota culturale: bisogna distinguere tra pulpito e ambone. L’ambone si trova nella zona dell’altare e dall’ambone si leggono i passi della Bibbia, le Letture Sacre in genere e non è necessaria la capacità individuale dell’oratore, in quanto egli si limita a leggere. Le letture pronunciate dall’ambone fanno parte della Messa. Continua a leggere Pulpito [115]

L’arte sacra e la manipolazione del popolo bue [4]

TizianoSanMarcoinTrono
Un quadro del Tiziano

Revisione del 3 nov 2018 – Il popolo dovrebbe trovare nella diffusione delle opere artistiche religiose un ulteriore motivo per non fidarsi a priori del clero: lo dimostreremo con questo blog. Il popolo bue forse non s’interessa molto d’arte e quindi il pensiero corrente (e passato), osservando le chiese e i musei, è (ed era) che i pittori fossero tutti religiosi: una pervasione di misticismo può cogliere dunque anche il singolo pittore.

Continua a leggere L’arte sacra e la manipolazione del popolo bue [4]

L’arciprete e la grandine [3]

preteRevisione 3 nov 2018 – Torniamo alla Chiesa e alla partita zoppa (solo Avere) per narrare un gustoso episodio dal quale emerge che il povero cappellano non era il solo ad essere vittima dell’avarizia dell’arciprete. L’avarizia è uno dei sette peccati capitali e, quando comprende la cupidigia nei confronti della proprietà di un’altra persona, viene definita invidia: a questo punto si va anche contro al decimo comandamento, non desiderare la roba d’altri. Il decimo comandamento, anche se ultimo, non è per questo il peggiore. Continua a leggere L’arciprete e la grandine [3]

Il porcello di Sant’Antonio [2]

maiale

Revisione del 3 nov 2018 – L’arciprete possedeva non poche terre in paese. Non mi è mai stato chiaro se le terre fossero sue o della parrocchia. Le terre erano date dall’arciprete, seguendo i contratti agricoli, o a mezzadria o in affitto, oppure ancora vi erano dei lavoranti a giornata, come rinforzo ai mezzadri o come opera diretta sulle terre non altrimenti lavorate. Continua a leggere Il porcello di Sant’Antonio [2]