Archivi tag: Purgatorio

Inferno I_2 [267]

Gustave Dorè – Divina Commedia – Dante e Virgilio - Elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©
Gustave Dorè – Divina Commedia – Dante e Virgilio – Elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©

Revisione 30 dic 2018 A ‘sto pùnto go visto uno e ghe gò dito de iutàrme. El me gà rispòsto che el gèra Virgìlio, un poèta de Róma antìca, nassùo a Màntova e mòrto da mi no so quànti àni… col gèra vìvo, ghe gèra l’imperadór Otaviàno Augùsto e de cristiàni ‘ncóra no se gh’in parlàva… insóma, mi gèra su un pósto indóve che se podéva parlàr co i mòrti… màma mìa… sicóme Virgìlio, dópo, el me gà sempre iutà, forse sul sògno el gèra el sìmboło de ła tèsta che ragióna, che ła xe indispensàbiłe par végnar fóra da quéła confusiòn che ve go dìto prìma. Continua a leggere Inferno I_2 [267]

Inferno I_1 [265]

Gustave Dorè – Divina Commedia - Elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©
Gustave Dorè – Divina Commedia – Elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©

Revisione 30 dic 2018 Pubblico una libera versione, a modo mio, in due puntate, del primo canto della Commedia di Dante Alighieri, in dialetto veneziano, sì che tutti, dico tutti, la possano capire, compresi i più piccini. Continua a leggere Inferno I_1 [265]

Il porcello di Sant’Antonio [2]

maiale

Revisione del 3 nov 2018 – L’arciprete possedeva non poche terre in paese. Non mi è mai stato chiaro se le terre fossero sue o della parrocchia. Le terre erano date dall’arciprete, seguendo i contratti agricoli, o a mezzadria o in affitto, oppure ancora vi erano dei lavoranti a giornata, come rinforzo ai mezzadri o come opera diretta sulle terre non altrimenti lavorate. Continua a leggere Il porcello di Sant’Antonio [2]