Archivi tag: Vaporetto

Città di Venezia 11 [504]

Venezia1952
Venezia, primavera 1952, Riva degli Schiavoni, il Ponte del Vin, l’albergo Danieli e, sullo sfondo, il Palazzo Ducale. Notare il cappello dell’uomo col cappotto colorato di blu: si usavano quei cappelli. I colori sono ovviamente artificiali. In primo piano, un ragazzino vestito da marinaio, come si usava. – Ernesto Giorgi ©

Potete vedervi il precedente Città di Venezia 10 per collegare i ragionamenti.

Venezia, anni ’50: i veneziani, col Lido di Venezia, hanno un rapporto di necessità. Pochi sono i fortunati che vivono sulla Riva degli Schiavoni o alle Zattere, le due zone più assolate. Per gli altri, non è che ci sia tanto sole nelle calli dove vivono e perciò appena possono, nei mesi freddi, vanno a sedersi sui tavolini dei bar e delle gelaterie delle due zone più assolate mentre, nei mesi caldi, il sogno di tutti è il Lido. In terraferma non è la stessa cosa perché, bene o male, un poco di sole si può sempre prendere.

Continua a leggere Città di Venezia 11 [504]

Tempo fuggente 3 [476]

ferrovia
Venezia – Gente in attesa del vaporetto sul pontile della Ferrovia di Santa Lucia. Notare le due bitte per l’attracco del vaporetto.

(Segue da Tempo fuggente 2 [475]) Se la cravatta grida vendetta a Dio, si tratta sicuramente di uno statunitense, oppure, se siamo in estate, l’americano avrà anche una camicia hawaiana, cosa che un inglese non indosserà mai, per nessun motivo.    Continua a leggere Tempo fuggente 3 [476]

Tempo fuggente 2 [475]

Arsenale1
Venezia – 1960 – Riva degli Schiavoni con il pontile dell’Arsenale all’estrema sinistra – Ernesto Giorgi ©

(Segue da Tempo fuggente 1 [474]) Per evitare che la gente scivoli quando le passerelle sono inclinate, sulle passerelle di legno sono poste delle traversine in acciaio, alte due centimetri circa, in modo che i piedi dei passeggeri possano avere un appoggio sicuro su tali traversine.     Continua a leggere Tempo fuggente 2 [475]

Tempo fuggente 1 [474]

pontile
Venezia – Gente in attesa di passare dalla terra ferma al pontile, al quale attraccherà il vaporetto. Notare la passerella in discesa perché la marea è relativamente bassa.

Torno a Venezia, dopo anni che non prendo il vaporetto accelerato Linea 1 e riprovo l’emozione del veneziano.      Continua a leggere Tempo fuggente 1 [474]