Raccolta di proverbi 6 [452]

gattoIl dottor professor Giampietro Nordera di Arcugnano (Vicenza), neurologo, mi fa dono di un calendario veneto bellissimo, dal quale traggo alcuni proverbi che mi sembrano degni di nota. Tra parentesi quadre, le mie osservazioni.

I testi sono stati modificati dal vicentino-padovano al veneziano-trevisano.

A chi che no ghe piàse el vin, che Dio ghe tóga ‘nca l’àqua. Se a uno non piace il vino, che il Padreterno gli faccia mancare anche l’acqua.

Tièn un òcio al pésse e uno al gàto. Tieni un occhio al pesce e uno al gatto. [Sii accorto].

I sióri i ga el paradìso de qua. Quéło de łà, i se ło crónpa. I signori hanno il paradiso di qua. [in questo mondo]. Quello di là, se lo comperano.

Połénta e làte ingròssa le cułàte. Polenta e latte ingrossano le natiche. [Si racconta ai bambini per farli ridere. Probabilmente senza fondamento, come una filastrocca, ma la rima è divertente].

Parénti, mal de dénti. Nuova versione sull’aria di fratelli coltelli e parenti serpenti, quest’ultima un po’ troppo cruda.

A pensàr mal se fa pecà ma se ła indovìna sémpre. A pensar male si fa peccato ma si indovina sempre. [Quindi il detto, probabilmente, non va attribuito ad Andreotti].

Ła pigrìssia ła va cussì piàn che ła misèria ła ciàpa. La pigrizia va talmente piano che la miseria la raggiunge, la cattura. [Bellissimo].

Cóme’l dì de ła Candelòra, àltri, tànti, gh’in sarà ‘ncóra. Come il giorno della Candelora (2 febbraio) ne seguiranno parecchi. [Nuova, semplice, versione del noto proverbio. Semplicemente, sostiene che i giorni seguenti saranno come il 2 febbraio].

A chi che nàsse scarognà, ghe piòve sul cùło ànca da sentà. Se uno nasce scalognato, anche se si siede, gli piove sul sedere. [Riprende il proverbio ‘piove sul bagnato’, solo in modo più pittoresco].

I mùri vèci i fa pànsa. I muri vecchi fanno pancia. [Dicesi di persone anziane e panciute, per discolparli in parte e sottolineare così l’inevitabilità dell’evoluzione; di solito lo dice l’interessato, parlando in prima persona].

Chi dìse spósa, dìse spésa. Chi dice sposa, dice spesa. [Sembrerebbe che una donna fosse dunque sinonimo di spese inconsulte].

No bàsta auguràr sałùte, amór e schèi: ghe vól el tèmpo par gòderseli. Non basta augurare salute, amore e denaro: ci vuole il tempo per goderseli.

Un vìssio cósta de più de diéxe fiói. Un vizio costa più di dieci figli.

A lavàrghe ła tèsta al moltón, se pèrde l’aqua e ànca el saón. Se lavi la testa al montone, perdi l’acqua e anche il sapone. [Assistere uno sciocco è inutile].

Par savér la verità, scólta dó buxièri. Per sapere la verità, ascolta due bugiardi. [Molto piacevole].

I cavài se i lìga co na cavèθa, i òmini co ‘na paròła. I cavalli si legano con una cavezza, gli uomini con una parola.

L’unión de la faméia se ła càta te’la panéra. L’unione della famiglia si trova nella farina della madia. [Se la madia è piena, se ci sono mezzi, la famiglia va d’accordo].

I prèti fa bójer ła pignàta co łe fiàme del purgatòrio. I preti fanno bollire la pentola usando le fiamme del purgatorio. [Spaventando la gente. Che allora fa la carità].

Disnàr lóngo, vìta cùrta. Desinare lungo, vita corta.

Co no se ciàpa pésse se ciàpa ràne. Quando non si prende pesce si devono prendere rane. [Far buon viso a cattivo gioco, sapersi accontentare].

Lìbri, dòne e cavài, no imprestàrli mai. Non si prestano mai libri, donne e cavalli.

Un òmo in man de l’avocàto xe cóme el sórze in bóca al gàto. Un uomo in mano all’avvocato è come un topo in bocca al gatto.

Pan in convénto, fràti no mànca. Se c’è pane in convento, i frati non mancano.

Chi più capìsse, più patìsse. Chi più capisce, più patisce. [Solo gli sciocchi non capiscono le avversità della vita].

Mègio sbrissàr col pìe che co ła léngua. Meglio scivolare col piede che con la lingua. [Non dire frasi sconsiderate].

Quèi che parla coi òci bàssi e quéi che rìde sémpre: brùta zénte. Brutta gente quelli che parlano con gli occhi bassi e quelli che ridono sempre.

Màgna, bèvi e gòdi ma no sta impiantàr ciòdi. Mangia, bevi e godi ma non impiantare chiodi. [Fai pure la bella vita ma non indebitarti].

Màgio piovòso, vìn costóso. Se il maggio è piovoso, il vino costerà parecchio.

El pàn del móna el xe el prìmo a éssar magnà. Il pane dello sprovveduto è il primo ad essere mangiato [dagli altri].

El bisògno el inségna a far de tùto. Il bisògno insegna a fare di tutto.

I àni e’l giudìssio i camìna par màn. Gli anni ed il giudizio procedono per mano.  [Con l’età si acquista giudizio, col tempo maturano le nespole].

Par conòssar l’infèrno, cógo d’istà e caretièr d’invèrno. Per saper cos’è l’inferno, fai il cuoco durante l’estate e il carrettiere durante l’inverno.

Vùsto vìvar in pase? Òcio no véde e bóca che tàse. Vuoi vivere in pace? Il tuo occhio non veda e la tua bocca si taccia.

A l’astùssia del munàro no ghe xe nissùn ripàro. Dall’astuzia del mugnaio non troverai modo di ripararti.

Paùra del diàvoło, pòchi bèssi. Se hai paura del diavolo, pochi quattrini [I timorati di Dio non fanno fortuna].

Ogni sànto vól ła so candéła. Ogni santo vuole la sua candela. [Se vuoi un favore da un maggiorente, devi pagare: ovvero, la corruzione è endemica].

Chi che gà bèssi gà sémpre raxón. Chi ha soldi ha sempre ragione.

Co pàrla na bèła dòna, tùti ghe dà raxón. Quando parla una bella donna, tutti le danno ragione.

Ogni dì nàsse un cùco, beàto chi ło cùca. Ogni giorno nasce un babbeo, beato chi se lo becca.

Megio un ‘ dèsso te dàgo’ che mìłe ‘te darò’. Meglio un ‘adesso ti do’ che mille ‘ti darò’.

Pan rovèrso su ła tòła ciàma carestìa. Pane rovescio sulla tavola chiama carestia. [Questa superstizione è diffusissima e sentitissima].

Fìn a ła bàra, sémpre se impàra. Fino alla bara, sempre s’impara. [Fino a quando non si muore, si può sempre imparare].

San Lorénso nósa fàta. Per San Lorenzo (10 agosto) le noci sono mature. [A dire il vero, è un po’ prestino].

El lóvo pól scóndarse fra łe piègore. Il lupo può nascondersi tra le pecore. [Non fidarti mai].

I perseghèri i xe còme el pàpa: no i dùra più de vìnti àni. Gli alberi di pesco sono come il papa: non durano più di vent’anni.

Trénta agósto, zùche arósto. Per fine agosto tutte le zucche sono pronte (da arrostire).

Par ‘na védova ànca un brùto xe bèło. Per una vedova, anche un uomo brutto è bello.

Sénsa fadìghe, te tròvi łe ortìghe. Senza fatiche, troverai solo ortiche. [Per aver un buon raccolto, devi faticare].

In setèmbre l’espèrto no viàgia scovèrto. In settembre l’esperto non viaggia scoperto. [In settembre il tempo può variare rpidamente].

Tànte nosèłe, tànta néve. Tante nocciole, tanta neve.

Piutòsto del to funeràl col sòl, mègio el to matrimònio co l’àqua. Piuttosto del tuo funerale col sole, meglio il tuo matrimonio con l’acqua. [Si dice per consolarsi se piove nel giorno di un matrimonio].

A sentàrse su dó caréghe se sbréga el cùlo de le bràghe. A sedersi su due sedie si strappa il fondo dei pantaloni. [Tenere il piede in due staffe. Chi troppo vuole nulla stringe].

Se làdro non prénde, cantòn de càsa rénde. Se un ladro non ha rubato, ciò che si è perso in qualche angolo della casa viene restituito [ritrovato].

Àqua setembrìna, tòxego par ła cantìna. Acqua settembrina, veleno per la cantina. [Danneggia la vendemmia].

L’ultimo gòto xe quélo che imbriàga. L’ultimo bicchiere è quello che ubriaca.

Tósse, amór e pànsa no łi scónde gnànca ła creànsa. Tosse, amore e pancia non li nasconde nemmeno un’educata disinvoltura. [Per quanto si faccia, gli altri se ne accorgono].

El café el xe bón co tre èsse… sentà, scotàndo, scrocàndo. Il caffe è buono con tre letter ‘esse’, seduti, scottando e scroccando.

Pàn e nóse, magnàr da spóse. Pane e noci, mangiare da spose. [Cibo sopraffino].

Tùti ga sìnque minùti de móna in ògni giornàda: ai scarognài i ghe vièn de dì, ai siòri i ghe xe sémpre vignùi de nòte fin che i dòrme. Tutti hanno cinque minuti di stupidità in ogni giornata: allo sfortunato vengono mentre è sveglio, di giorno, ai ricchi son sempre venuti di notte, mentre dormono.

L’òmo da vìn no vàl un quatrìn. L’uomo dedito al vino non vale un quattrino.

Tùti se gòde a vèdar el màto in piàssa ma che no’l sìa de ła so ràssa. Tutti si divertono a vedere un buffone in piazza, ma che non sia della loro razza. [A patto che non sia un loro parente].

Par el véro amór no bàsta l’amór. Perché ci sia vero amore, l’amore non basta. [Ci vogliono altre cose, il denaro, la salute eccetera].

Cugnàde spàde. Cognate spade. [Le cognate sono nemiche tra loro, della serie fratelli coltelli, parenti serpenti eccetera]

L’amor o’l barùfa o’l fa la mùfa. L’amore o litiga oppure ammuffisce.

Uno da łu soło no’l stà bén gnànca in paradìso. Una persona senza qualcuno accanto non sta bene nemmeno in paradiso.

Tàrdi in pescarìa e bonóra in becarìa. Recati tardi in pescheria e di buon’ora in macelleria.

Chi che nàsse àsino no pol morìr cavàło. Chi nasca asino non può morire cavallo.

Dìme chi són ma no me dir chi gèro. Dimmi chi sono ma non dirmi chi ero.

Mai far pàti coi màti. Non prendere accordi con gente stramba, poco attendibile.

Svodàda ła scuèła, tùti ghe spùa déntro. Vuotata la scodella, tutti ci sputano dentro. [Tutti si approfittano di situazioni positive e poi criticano l’accaduto].

Se te spèta ła fórca, no ti pól negàrte. Se ti aspetta l’impiccagione, non puoi morire annegato. [Dicesi di ribaldi apparentemente fortunati. Il destino segue il suo corso. Lapidario].

Pan padovàn, vin visentìn, trìpe trevisàne e dòne venessiàne. Pane padovano, vino vicentino, trippe trevisane e donne veneziane. [Filastrocca della serie ‘veneziani gran signori’…]

‘Na società se fa in dìspari e tre i xe màssa. Una società si fa in numero dispari e tre sono già troppi.

La giustìssia xe fàta come ’na màja: se pòl tiràrla par qua e par là. La giustizia è strutturata come una maglia di lana: si può deformare tirandola di qua, tirandola di là.

Coi bèssi el prète fa ànca tre Mésse cantàde tùte drìo màn. Col denaro, il prete celebra anche tre Messe cantate tutte di seguito.

Xe ła paùra che te dà el coràgio. È la paura che ti dà il coraggio.

Più che vèci no se pól végnar. Più che vecchi non si può diventare.

Pan, vin e sóca, łàssa che’l fiòca. Se hai pane, vino e un ciocco per il camino, lascia pure che nevichi.

Co ła fàme ła vién déntro par la pòrta, l’amor el scàmpa pa’l balcón. Quando la fame entra dalla porta, l’amore scappa per il balcone.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...