Archivi tag: Excelsior

Racconti 6 [567]

RaccontiA Parigi, un giovane laureato in chimica, Roland Page, aveva creato un profumo meraviglioso di linea maschile. Tutte le persone che avevano avuto modo di sentirlo, erano estasiate perché questo profumo aveva una fragranza essenziale delicatissima, elegante, assolutamente inconfondibile.

Continua a leggere Racconti 6 [567]

Città di Venezia 11 [504]

Venezia1952
Venezia, primavera 1952, Riva degli Schiavoni, il Ponte del Vin, l’albergo Danieli e, sullo sfondo, il Palazzo Ducale. Notare il cappello dell’uomo col cappotto colorato di blu: si usavano quei cappelli. I colori sono ovviamente artificiali. In primo piano, un ragazzino vestito da marinaio, come si usava. – Ernesto Giorgi ©

Potete vedervi il precedente Città di Venezia 10 per collegare i ragionamenti.

Venezia, anni ’50: i veneziani, col Lido di Venezia, hanno un rapporto di necessità. Pochi sono i fortunati che vivono sulla Riva degli Schiavoni o alle Zattere, le due zone più assolate. Per gli altri, non è che ci sia tanto sole nelle calli dove vivono e perciò appena possono, nei mesi freddi, vanno a sedersi sui tavolini dei bar e delle gelaterie delle due zone più assolate mentre, nei mesi caldi, il sogno di tutti è il Lido. In terraferma non è la stessa cosa perché, bene o male, un poco di sole si può sempre prendere.

Continua a leggere Città di Venezia 11 [504]

Ca’ Bianca [199]

ballerino
Il manifesto della Dancing Hall di Ca’ Bianca, 1960.

Revisione 8 dic 2018 – In cinque di loro, non si fanno nomi ma ci sono tra i cinque anche dei grossi personaggi televisivi, volevano dar vita ad un complesso moderno. Parliamo del 1960. Da pochi anni arrivavano dagli Stati Uniti, sui dischi a 78 giri, delle musiche incredibilmente moderne. Basti pensare che, in Italia, il sound dominante del tempo era quello di Gino Latilla, con brani come ‘Vecchio scarpone’ (1953) o ‘Tutte le mamme’ (1954) oppure di Nilla Pizzi con ‘Vola colomba’ (1951). Continua a leggere Ca’ Bianca [199]