Archivi categoria: Venezia

Il gondoliere 5 [514]

ornamentoGondola
Un classico ornamento per gondola, posto su entrambi i lati dell’imbarcazione, in corrispondenza del sedile del turista.

Vedere anche il precedente Il gondoliere 4 – Quando lavoravo alla Cooperativa Gondolieri di Venezia, ero ovviamente sempre a contatto coi gondolieri stessi e prendevo sistematicamente buona nota delle frasi, delle battute e dei motti di spirito più originali ed interessanti.

Continua a leggere Il gondoliere 5 [514]

Caccia grossa 5 [503]

elefantebungalow
Un elefante si gratta contro un bungalow, riducendolo a mal partito.

Potete vedervi il precedente Caccia grossa 4 per collegare i ragionamenti.

Anni fa, il mio amico Giuseppe Marino, medico ospedaliero, se n’è andato, come quelli che se ne vanno serenamente.

Continua a leggere Caccia grossa 5 [503]

Marco e Todaro 17 [490]

marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 16).    Todaro: “Màrco, i xe tùti preocupài par colpa de ‘sta Unión Européa, che par che no ła vògia savérghene de far i intaréssi de ła zénte, ànsi par che no i comànda gnànca lóri, par che comànda àltri…” [Marco, sono tutti preoccupati per colpa di questa Unione Europea, la quale sembra che non voglia saperne di fare gli interessi della gente, anzi sembra che non comandino neppure loro, sembra che comandino degli altri…] Continua a leggere Marco e Todaro 17 [490]

Marco e Todaro 16 [482]

marcoTodaroTodaro: “Màrco, sentìvo ła génte sóto łe nòstre cołòne, sèmo de nòte, al trédese otóbre de l’àno del Signór 2016 e xe un bel frésco… invésse de ‘ndàr càsa, al càldo, i stà qua a parlàr de sto referéndum e i xe scativài… me pàr che i sìa tùti in pensièri…” Continua a leggere Marco e Todaro 16 [482]

Tempo fuggente 3 [476]

ferrovia
Venezia – Gente in attesa del vaporetto sul pontile della Ferrovia di Santa Lucia. Notare le due bitte per l’attracco del vaporetto.

(Segue da Tempo fuggente 2 [475]) Se la cravatta grida vendetta a Dio, si tratta sicuramente di uno statunitense, oppure, se siamo in estate, l’americano avrà anche una camicia hawaiana, cosa che un inglese non indosserà mai, per nessun motivo.    Continua a leggere Tempo fuggente 3 [476]

Tempo fuggente 2 [475]

Arsenale1
Venezia – 1960 – Riva degli Schiavoni con il pontile dell’Arsenale all’estrema sinistra – Ernesto Giorgi ©

(Segue da Tempo fuggente 1 [474]) Per evitare che la gente scivoli quando le passerelle sono inclinate, sulle passerelle di legno sono poste delle traversine in acciaio, alte due centimetri circa, in modo che i piedi dei passeggeri possano avere un appoggio sicuro su tali traversine.     Continua a leggere Tempo fuggente 2 [475]

Tempo fuggente 1 [474]

pontile
Venezia – Gente in attesa di passare dalla terra ferma al pontile, al quale attraccherà il vaporetto. Notare la passerella in discesa perché la marea è relativamente bassa.

Torno a Venezia, dopo anni che non prendo il vaporetto accelerato Linea 1 e riprovo l’emozione del veneziano.      Continua a leggere Tempo fuggente 1 [474]

Marco e Todaro 15 [473]

 marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 14). Todaro: “Màrco, ła génte pàrla sémpre de połìtica, da dusénto àni i se impenìsse ła bóca co ‘sta democrassìa, ma mi me pàr che ‘sti congrèssi i sìa inùtiłi… còssa te pàr…”    Continua a leggere Marco e Todaro 15 [473]

Marco e Todaro 14 [468]

marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 13). Todaro: “Màrco, ła génte xe piéna de difèti ma nissùn véde i sùi: i véde quéi dei àltri…“  [Marco, la gente è piena di difetti ma nessuno vede i propri: vedono quelli degli altri…]     Continua a leggere Marco e Todaro 14 [468]

Marco e Todaro 13 [460]

marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 12). Todaro: “Màrco, nissùni sa ben se sia mègio quèsto o quél tìpo de democrassìa: còssa ti dìxi…” [Marco, nessuno sa bene se sia meglio questo o quel tipo di democrazia… tu cosa dici…]     Continua a leggere Marco e Todaro 13 [460]

Querini Stampalia [458]

querinistampalia
Venezia – Santa Maria Formosa – Il ponticello in pietra e legno per accedere alla Biblioteca Querini Stampalia.

Le case di Venezia sono molto piccole e un ragazzo, che studia nella propria abitazione, solitamente non ha una stanza comoda per farlo anche se una soluzione si potrebbe probabilmente trovare, magari adattandosi: quella che invece veramente non si trova è la tranquillità.    Continua a leggere Querini Stampalia [458]

Marco e Todaro 12 [457]

marcoTodaro.Jpg(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 11). Todaro: “Màrco, còssa te par de ‘sto fàto che no se podarìa lézar el Mein Kampf de Hìtler…” [Marco, cosa ti sembra di questo fatto che non si potrebbe leggere il Mein Kampf di Hitler…]    Continua a leggere Marco e Todaro 12 [457]

Marco e Todaro 11 [407]

marcoTodaro.Jpg(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 10). Todaro: “Màrco, go vògia de farte ‘na domànda difìssiłe… Venèssia, ła so civiltà… no so’ bón de dir in strùco còssa che sìa ‘na civiltà… dàme ‘na man… dìme ła to idèa…”      Continua a leggere Marco e Todaro 11 [407]

Marco e Todaro 10 [398]

marcoTodaro(Vedi anche i precedenti, l’ultimo dei quali è Marco e Todaro 9). Todaro: “Màrco, me fa végnar el nervóso quéi che dìxe ‘xe ciàro, xe evidénte…’ e invésse no xe pròpio ciàro gnénte parché ògni cristiàn ła pénsa a mòdo sùo.    Continua a leggere Marco e Todaro 10 [398]

Personaggi 3 [391]

chiosco
Venezia – Un chiosco di souvenirs, come quello di X, personaggio del racconto.

Nel calderone dei personaggi originali che si possono trovare, esiste una categoria, a Venezia, di persone ricche o quantomeno benestanti, mentre la stessa categoria, in altre città, non è altrettanto facoltosa: si tratta  dei commercianti che hanno un chiosco di souvenirs per turisti.      Continua a leggere Personaggi 3 [391]

Pescando [356]

branzino
Branzino o spigola o pesce lupo (Dicentrarchus labrax) da 42 centimetri. – Può arrivare a 103 cm. e a dodici chili di peso – 1971 – Ernesto Giorgi ©

Una delle grandi passioni dei veneziani è la pesca con la canna.      Continua a leggere Pescando [356]

Cannaregio [334]

Muro
Uno dei muri del racconto con la pavimentazione in pietra d’Istria.

Una stretta calle di Cannaregio, a Venezia, vuota, tra due muri di mattoni e per terra la pietra d’Istria, a grandi rettangoli, comune in tutta la città. Una delle pareti di mattoni alta sette metri circa, è la recinzione di un convento e non ha alcuna apertura: è un muro desolatamente vuoto in tutta la sua lunghezza di circa trecento metri. Continua a leggere Cannaregio [334]

Usanze a Venezia 11 bis [323]

Salute.Jpg

La punta della Dogana coi Magazzini del Sale e la chiesa barocca di Santa Maria della Salute, di Baldassarre Longhena, inaugurata nel 1687 – Foto del 1961 – Foto ed elaborazione grafica di Ernesto Giorgi ©

La festa del 21 novembre: la Madonna della Salute. Nelle usanze di Venezia, un cenno speciale spetta alla festa della Salute, la festa più importante dopo San Marco.       Continua a leggere Usanze a Venezia 11 bis [323]